“Sì, dimenticheranno. È il nostro destino, non ci si può fare nulla. Ciò che a noi sembra serio, significativo, molto importante, col passare del tempo sarà dimenticato o sembrerà irrilevante. Ed è curioso che noi oggi non possiamo assolutamente sapere che cosa domani sarà ritenuto sublime, importante e cosa meschino, ridicolo. E la nostra vita, che oggi viviamo con tanta naturalezza, apparirà col tempo strana e scomoda, priva di intelligenza, forse addirittura immorale”.

Anton Pavlovič Čechov

Martedì, 30 Aprile 2013 14:17

Carla Benedetti

Scritto da

"Non è vero che la critica abbia perso il suo ruolo, come è stato detto da autorevoli critici. Sono semmai i critici che hanno tradito pensando di non avere più un ruolo".

Pochi giorni fa, vagabondando tra i banchi di un mercatino dell’usato, ho trovato l'ottavo volume dei racconti di Čechov a 1€. Sonnecchiava tra Ogni giorno della mia vita di Nicolas Sparks e un manuale di informatica edito nei primi anni Novanta. Una volta arrivata a casa, ho scoperto l’esistenza di una dedica scritta a penna nera sul frontespizio. Cito testualmente: “Natale 1984: Spero che questo libro accenda (disegnino di una candela) in te la passione per i romanzieri russi... Comunque se vuoi leggere altri racconti parla con Elena, Mia e Chiara che ne sanno qualcosa. Ciao, auguri (disegnino di un abete addobbato) – Anna”.

Martedì, 30 Aprile 2013 09:10

Bazlen: due o tre cose che so di lui

Scritto da

All’articolo di Alessandro Toppi su Bazlen (http://www.ilpickwick.it/index.php/letteratura/item/390-storia-di-bobi-che-si-perse-tra-i-libri) aggiungo due o tre cose che so del triestino…
Per accadimenti miei ho conosciuto gente che ha avuto a che fare con Bobi Bazlen.
Bazlen lo facevi felice se gli cucinavi il cavolo nero, perché odiava la pastasciutta e quando veniva a Roma da Trieste frequentava la coppia Moravia-Morante, ma senza appartenere al codazzo che i due intellettuali si portavano dietro (tranne Sandro Penna che dormiva tutto il giorno, salutava tutti e andava a caccia di militari in libera uscita).

V

   dove getteranno il mio cadavere?, dove sono finiti i cadaveri di tutti quelli come me?, ci manca soltanto che mi metto a pensare alle sepolture dei morti, i morti sono morti, basta! è finito tutto con la morte, che senso ha pensare alla sepoltura?, eppure vorrei immaginare il tragitto del mio cadavere, seguirlo passo passo, essere presente quando infermieri lindi e profumati lo trascineranno fuori da questa cella, stare in piedi accanto a loro quando poi lo chiuderanno in una sacca di plastica, vedere il loro sguardo mentre lo faranno, studiare se un qualche moto d’animo di qualsiasi tipo sarà visibile sui loro volti,

 

Il 18 Aprile 2013, presso la sala consiliare del comune di Teverola, il movimento civico Ad alta Voce, presieduto dall’avvocato Pasquale Buonpane, ha organizzato un interessante dibattito sul rapporto tra i giovani e il lavoro; in tale occasione Francesco Pastore, professore aggregato di economia politica presso il Dipartimento di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, ha avuto modo di sviscerare i contenuti principali del suo libro Fuori dal Tunnel, pubblicato dalla Giappichelli, in cui si fa notare che la transizione dalla scuola al lavoro rappresenta per molti giovani un tunnel lunghissimo a causa della loro scarsa esperienza lavorativa.

Lunedì, 29 Aprile 2013 23:34

Aprile, 2013

Scritto da

Voi volete che quanto ho visto non sia vero, e vi capisco.
Capitò anche a me, una volta, di ascoltare uno con le labbra umide e gli occhi che tendevano all’infinito, e mentre l’ascoltavo mi dicevo “vabbè, prima o poi finisce”, solo che questo non finiva mai. Mi disse che non c’erano grandi cose da aspettarci per i prossimi anni, e che l’uomo è più cattivo delle iene. Io sbadigliavo per la notte pesante e la piazza che svuotava e il senso della fine inesorabile di un giorno qualunque. Lui beveva vino rosso, parlava, mi porgeva la bottiglia senza guardarmi. Ce ne stavamo a pochi centimetri, faccia a faccia, sotto lo sguardo neutro di un eroe risorgimentale, di quelli che hanno fatto l’Italia senza schiamazzi e con la giusta sobrietà, a quanto pare. Per tenermi desto pensavo alle iene dello zoo che nonostante tutto ridevano. A un certo punto addirittura risi. Anche io. Quello davanti a me allora si fermò e, preso fiato, disse "tu non capisci".

Domenica, 28 Aprile 2013 15:04

Ciclo Bergman (parte X) - Sussurri e grida

Scritto da

“Tutti i miei film possono essere immaginati in bianco e nero, tranne che Sussurri e Grida. Nella sceneggiatura, dico di aver pensato al colore rosso come all’interno dell’anima”.

(Ingmar Bergman)

Domenica, 28 Aprile 2013 13:19

La scatola, la grande magia

Scritto da

Che significa un muro? Che cos’è un muro se 

non un giuoco preparato? Dunque, devi essere

d’accordo con me che non esiste. La pietra è

una. (Mostrando la platea) E quello è il mare!

             Eduardo De Filippo, La grande magia

 

 

La vera scatola de La grande magia non è questa che Calogero Di Spelta stringe alle dita e che – per proteggere da sguardi indiscreti – tiene ora al petto, ora sul ventre, ora sotto al braccio ed a cui dedica ora uno sguardo, ora una carezza, ora parole di compianto o timore nell’attesa – inattendibile – che da lì torni la moglie sparita: questa non è che una cianfrusaglia da palco, una rigatteria di legname e di vetro con false gioie per decoro o qualche fregio smaltato in origine che, a forza di prove e di repliche, ha perduto la sua lucentezza. Una quisquiglia, questa scatola; un balocco, questa scatola; un orpello opaco e sbiadito, questa scatola, presa da chissà che robivecchi o trovata in chissà quale angolo buio di chissà quale oscuro magazzino d’arnesi.

Domenica, 28 Aprile 2013 07:59

Saffo, canzoni e nazisti

Scritto da

Un night club della Berlino degli anni ’40 fa da scena all’azione ed alla narrazione; la musica dell’epoca, portata dal vivo da una tastiera e un contrabbasso, ne scandirà colonna sonora seguendone l’evolvere passo passo. Io e Miryam è un’ibridazione, una pièce che condensa teatro-canzone e narrazione retrospettiva; ne è soggetto autoreferente una piccola diva capricciosa dei tempi del nazismo, che ripercorre la propria vicenda personale, segnata da un amore speciale, attraverso il quale avviene in lei la presa di coscienza di ciò che effettivamente avveniva fuori, nel mondo circostante a quell’universo ristretto concentrato negli antri fumosi dei night club, fatto di canzonette e champagne.

Domenica, 28 Aprile 2013 07:58

L'immaginario di un popolo

Scritto da

Capita sovente che, nell’approcciarsi a vicende storiche sentite come particolarmente contigue al proprio vissuto personale o all’immaginario collettivo da cui si proviene, si possa incorrere nell’inciampo della partigianeria smodata. Capita sovente che la lettura della storia sfoci in contrapposizioni manichee che sbilanciano la visione degli accadimenti e delle idee in una direzione univoca a cui se ne contrappone un’altra diseguale e contraria.

Pagina 1 di 26

Sostieni


Facebook