“Sin da ragazzo gli piaceva disegnare navi, vascelli alberati, brigantini, e più c'erano alberi e vele e sartie più godeva, specie a tratteggiare battaglie navali, le nuvolette che fanno i cannoni quando sparano. − Mi piaceva disegnare il vento, − ha detto quasi commosso, come scoprisse qualcosa di sé che prima non sapeva. − Era un po' come disegnare la libertà, la forza. La vita”.

Emilio Salgari / Ernesto Ferrero

Arte L'officina delle arti

“Genesi”: Sebastião Salgado al PAN

Sulla pinna della balena franca australe scorre quella luce opaca che si stempera nell’ombra, fa ritorno all’occhio e si rimpasta in una composizione resa possibile da un sguardo a...

LEGGI TUTTO

Teatro La ribalta di legno

Fingendo, in ossequio al Potere

1928, 1929, 1930, 1931... ...

LEGGI TUTTO

Letteratura La bottega dei libri

I malesseri congeniti della Mitteleuropa

Qui sul Pickwick sono oramai abituato, e spero di avervi abituato, a seguire un percorso altalenante: o le città, se volete gli spazi, della narrativa americana o il cuore della Mi...

LEGGI TUTTO

Cinema La sala delle immagini

I territori reconditi di Ebbing

Tre manifesti a Ebbing, Missouri è un film strano, difficile. Può sembrare un tentativo imitativo del pulp grottesco dei fratelli Cohen, ma non è così. Questo film, frutto del lavo...

LEGGI TUTTO

Musica La camera dei suoni

Testardamente Joe Barbieri

Per origami si intende l'arte di piegare la carta; esistono tradizioni della piegatura della carta anche in Cina, tra gli Arabi ed in occidente, ma è il Giappone la sua patria d’or...

LEGGI TUTTO

Extra La locanda delle chiacchiere

Mesi

“Se marzeggia, aprileggia,  son cose che svaniranno”  Carlo Betocchi, Realtà vince il sogno    I La magia di un mattinoa gennaio, quando il geloimmobilizza il fiatoe ghiacciano i...

LEGGI TUTTO

Sostieni


Facebook