“immagino il teatro come un non finito, / non finibile. / nella sua natura credo sia l'imperfezione / l'imperfezione come aspirazione / l'imperfezione esatta, netta, giusta, precisa / l'imperfezione simile al difetto / il teatro come difetto. / assolutamente imperfetto”.

Roberto Latini

Arte L'officina delle arti

“Genesi”: Sebastião Salgado al PAN

Sulla pinna della balena franca australe scorre quella luce opaca che si stempera nell’ombra, fa ritorno all’occhio e si rimpasta in una composizione resa possibile da un sguardo a...

LEGGI TUTTO

Teatro La ribalta di legno

Illusioni, coreografie, apparenze di vita reale

Mentre Karl (Sandro Lombardi) – un tempo giocoliere, star internazionale al Lido, a Baden Baden, a Londra – mette nel lettore il CD di Mosè ed Aronne, di Schönberg – “Eh, lo so, Br...

LEGGI TUTTO

Letteratura La bottega dei libri

Visioni in fibrillazione nei versi d'una poetessa polacca

La poetessa polacca Krystyna Dąbrowska (1979) ha pubblicato diverse raccolte di versi, tradotte in molte lingue e insignite di prestigiosi riconoscimenti. Con questo volume ha vint...

LEGGI TUTTO

Cinema La sala delle immagini

Vasame, pe' chesta vota vasame

La tromba delle scale ellittiche di Palazzo Mannajuolo, i gradini e i passamano barocchi, il frastuono silente e i colpi di pistola a sigillo di un amore morboso: la scena iniziale...

LEGGI TUTTO

Musica La camera dei suoni

Depeche Mode: lo spirito e la carne

È più sensuale Dave Gahan o Martin Gore? Con questa shakespeariana domanda introduco quel grandioso evento che è, ogni volta, un concerto dei Depeche Mode. Alla mia terza partecipa...

LEGGI TUTTO

Extra La locanda delle chiacchiere

Quello sguardo dietro le nuvole – 1

Capitolo 1 È l’imbrunire di un venerdì qualsiasi. Sotto l’ombra cangiante del grattacielo che si erge di fronte allo stabile di quattro piani dove abito sfilano le auto, a velocità...

LEGGI TUTTO

Sostieni


Facebook