“Nonna Citta muore addrìtta. Si curva mentre esala l'ultimo respiro ma non cade. La sua è una morte in dialetto. Assurda e volgare. I quattro superstiti, sbandando, vengono verso di noi. Il sole è ormai calato e l'uscio dove imperterriti stanno è il proscenio del teatro che li tiene prigionieri. Spalancano la bocca ma il loro urlo è muto. Sembra, piuttosto, uno sbadiglio”

Emma Dante

Arte L'officina delle arti

L’immagine come risposta del desiderio all’assenza

Ancora una volta gli schermi dei media dispongono di una potente immagine di un falling man da mostrare e al tempo stesso celare alla vista, un po’ come si fa durante la visione di...

LEGGI TUTTO

Teatro La ribalta di legno

Neoliberismo e Teatro: le insidie dell'azienda culturale

Iniziamo con una domanda: c’è un fattore, un elemento che plasma le strutture e gli ordinamenti e nello stesso tempo ostacola lo sviluppo e le riforme in ambito artistico e cultu...

LEGGI TUTTO

Letteratura La bottega dei libri

L’età femminile nella cultura mediale italiana

Basta navigare sul web o sfogliare qualche rivista che dichiara genericamente di occuparsi di “costume” e di “attualità”, ma che nei fatti riconduce i due ambiti praticamente al so...

LEGGI TUTTO

Cinema La sala delle immagini

Corpi senza Organi nel cinema di David Cronenberg

Il volume di Martina Puliatti, La rivoluzione interiore. Corpi senza organi nel cinema di David Cronenberg (Aracne Editrice, 2020) non deve essere inteso come una monografia dedica...

LEGGI TUTTO

Musica La camera dei suoni

Cinquant'anni con le canzoni di José Zeca Afonso

José Afonso detto anche Zeca Afonso, è il cantautore che più di ogni altro è associato alla Rivoluzione dei garofani; la trasmissione della sua canzone Grândola vila morena da part...

LEGGI TUTTO

Extra La locanda delle chiacchiere

Trattatello

PREFAZIONE: le parole seguenti sono un fango di cellule nervose, tenute insieme dal silenzio. ...

LEGGI TUTTO

Sostieni


Facebook