“Duro? No. Sono fragile invece, mi creda. Ed è la certezza della mia fragilità che mi porta a sottrarmi ai legami. Se mi abbandono, se mi lascio catturare, sono perduto”

José Saramago

Arte L'officina delle arti

Bauhaus, pandemia e derive didattiche contemporanee

A cento anni dalla sua fondazione, l’esperienza del Bauhaus merita di essere nuovamente indagata a partire dal particolare contesto in cui si è data, analizzandone tutte le sue pot...

LEGGI TUTTO

Teatro La ribalta di legno

Chi vende e chi compra

Il cortile interno di Palazzo Reale di Napoli contiene il palcoscenico allestito per lo spettacolo Nella solitudine dei campi di cotone di Bernard-Marie Koltès, in scena per il Nap...

LEGGI TUTTO

Letteratura La bottega dei libri

Paolo Volponi, giovane e poeta

Paolo Volponi (Urbino, 1924 − Ancona, 1994) è stato uno dei più importanti romanzieri italiani del dopoguerra (Memoriale, La macchina mondiale, Corporale, Le mosche del capitale, L...

LEGGI TUTTO

Cinema La sala delle immagini

“Signori si nasce”: Totò e Peppino, fratelli coltelli

Il regista che ha il merito di aver compreso e mostrato per primo le qualità cinematografiche di Totò è Mario Mattoli. Sul set l’incontro tra i due avviene con I due orfanelli (194...

LEGGI TUTTO

Musica La camera dei suoni

Gnut live in una notte di mezza estate

“Magari fuss’ tu l’ammore ’o vero,Io ’ngopp all’acqua cammenasse a pere,’E viecchie addeventassero criature,E ’a pietto scumparesse ogni paura” (Alessio Sollo)    Breve premessa...

LEGGI TUTTO

Extra La locanda delle chiacchiere

Lo stato delle cose: intervista a Francesca Cola

Per la quarantanovesima intervista restiamo a Torino per dialogare con Francesca Cola. Lo stato delle cose è, lo ricordiamo, un’indagine volta a comprendere il pensiero di artisti ...

LEGGI TUTTO

Sostieni


Facebook