“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Arte L'officina delle arti

L'attuale stato del mondo in mostra al PAN

In una mattinata di sabato si apre, dentro un Palazzo delle Arti invaso dal caldo sole novembrino di Napoli, l'edizione 2018 del World Press Photo, ospitato in città per il terzo a...

LEGGI TUTTO

Teatro La ribalta di legno

Virtuosismi spiritosi, virtuosismi spirituali

Cosa fa di una creazione artistica una creazione che, pur in un linguaggio apparentemente semplicissimo, riesce ad indagare i nodi profondi dell’essere umano? Credo che il fattore ...

LEGGI TUTTO

Letteratura La bottega dei libri

La Russia di Doré: parole e immagini senza mezze misure

Le Edizioni Eris di Torino nascono nel 2009 e a partire dall’anno successivo iniziano a dar vita a piccole autoproduzioni rilegate a mano di poesia e narrativa illustrata per poi a...

LEGGI TUTTO

Cinema La sala delle immagini

Carmelo Bene e il ritornello crudele dell'immagine

Rispetto alla produzione teatrale e audiovisiva di Carmelo Bene, la sua complessa opera filmica risulta meno indagata e proprio su questa si concentra Giulia Raciti nel suo recente...

LEGGI TUTTO

Musica La camera dei suoni

Smashing Pumpkins: rito di una generazione dolente

Una narrazione musicale ed esistenziale epica. Questo, soprattutto, è stato il lunghissimo concerto degli Smashing Pumpkins alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna), abit...

LEGGI TUTTO

Extra La locanda delle chiacchiere

Noi nel suo mondo

Stringe tra le mani un pennarello. Ovunque si trovi, appena adocchia un foglio, che sia appeso a una parete, sul tavolo o altrove, dà segni di eccitazione e senza esitare un attimo...

LEGGI TUTTO

Sostieni


Facebook