“Chi v'agghia dici? Ca quiddu nda capa meja tengu tanti i quiddi buchi, cumi si ci avissi na negghia attùarnu attùarnu a capa. Pu a na vota nu colpu i viàntu e pi nu mumentu si vidi angunu cuntu, ca pu jè quasi sempi u stessi cuntu, e pu n'ata vota a negghia attùarnu....”

Saverio La Ruina

Cinema

Cinema La sala delle immagini

«Nel buio un fascio di pulviscolo bianco si diresse al telo dinnanzi: si generarono immagini. Apparvero donne e uomini in strade mai viste e guglie, ciminiere, ponti, campanili tra case. Apparvero mondi, apparvero storie».

Venerdì, 28 Febbraio 2014 00:00

L’omofobia e la malattia: "Dallas Buyers Club"

Scritto da

“A volte mi sembra di lottare per una vita che non avrò tempo di vivere”

Texas, patria dei machi cowboy americani. Siamo tra il 1985 e il 1988 e la trama di Dallas Buyes Club è ispirata ad un storia vera: il rude Ron Woodroof (Matthew McConaughey) conduce una vita sregolata a base di alcool, droga e sesso; proprio a causa di un rapporto sessuale non protetto con una tossicodipendente contrae l'HIV e gli vengono dati trenta giorni di vita. La presa di coscienza del protagonista nel non avere realmente un domani a causa della contrazione del virus apre un calvario di medicinali poco testati e molto inefficaci, fino all'estrema soluzione di sconfinare in Messico alla ricerca di cure alternative.

Ritratto di famiglia in un interno – un claustrofobico violento volgare interno – è questo rumeno Il caso Kerenes di Calin Peter Netzer, meritato Orso d'Oro al Festival di Berlino dell’anno scorso. Appartiene all'alta classe rumena contemporanea, la famiglia Kerenes, composta di medici, architetti, sceneggiatori, uomini e donne (ancora) di potere nella Romania di oggi che continua a confrontarsi, come irrisolto trauma della crescita – come distopico parto (cui allude probabilmente il titolo originale Pozitia Copilului, che potremmo tradurre "presentazione fetale") – con i fantasmi di un passato che non si nomina mai, cui non si fa mai allusione, che in apparenza potrebbe perfino non esser mai esistito, ma che ritorna persiste imbeve di sé situazioni vicende sentimenti, il passato del potere impassibilmente crudele e amorevolmente feroce di Ceaușescu.

Giovedì, 20 Febbraio 2014 00:00

La tournée di una compagnia

Scritto da

È difficile esprimere concetti significativi, che dicano davvero qualcosa, che riempiano la pagina comunicando una o più immagini che varranno la lettura dell’articolo.
Questa è la sensazione di chi scrive, ora. Poiché chi scrive ora è confuso, come annebbiato, preso da mille e una sensazioni diverse che nascono dall’unione tra la pratica dell’osservazione teatrale, dalla scrittura sugli spettacoli visti, dalla visione di questo film sulla Trilogia della villeggiatura di Carlo Goldoni, per la regia di Toni Servillo. Cinema, teatro, teatro in forma di cinema, cinema sul teatro, cinema con la profondità del teatro, teatro che corre alla velocità del cinema. È difficile.

Giovedì, 13 Febbraio 2014 00:00

Belle & Sébastien. La leggenda del demone bianco

Scritto da

I più non andranno in questi giorni ad affollare le sale cinematografiche in quanto lettori della raccolta di novelle francesi di Cécile Aubry, lo faranno invece − probabilmente servendosi dell’alibi della prole da accompagnare (prole che si è riscontrato essere alquanto titubante, se non, come nel mio caso, chiaramente recalcitrante in quanto del tutto ignara di chi diavolo fossero Belle e Sébastien, e d’altra parte nessuna Winx e nessun moderno supereroe possiede nomi così ‘superati’) − perché non si sono persi una sola puntata del bellissimo anime giapponese trasmesso da Italia 1 dal 1981.

Martedì, 11 Febbraio 2014 00:00

Martin Scorsese 04: Re per una notte

Scritto da

Cosa sareste disposti a fare per diventare famosi? Fino a che punto sareste disposti a sacrificarvi per ottenere il successo? Rupert Pupkin è un uomo brillante. Carismatico, affascinante, e dotato di una certa dialettica, il protagonista misconosciuto di questa storia è accecato dal desiderio di diventare un comico di successo. Dopo un incontro insoddisfacente con Jerry Langford, il conduttore di un’osannata serie tv, comincia a tartassarlo ossessivamente.

Sabato, 15 Febbraio 2014 00:00

L'Altro Cinema, Parte V – Aftermath

Scritto da

Quinto capitolo di questa rubrica intitolata, un po’ superficialmente, L’altro cinema. Superficiale (e aggiungo anche beffarda) perché ormai ci rendiamo conto che di altro non c’è assolutamente niente in quanto ciò che è altro è, per definizione, indescrivibile. Ma queste sono paturnie dovute all’abuso di superalcolici, vezzo che ormai ha decisamente dato una spallata decisa alle poco lungimiranti pretese di psicanalisi (o meglio auto-psicanalisi) che voleva sostenere chi vi scrive. Ad ogni modo, riponiamo la bottiglia sotto il materasso (si fa per dire) e concentriamoci sul film di oggi (ma voi state bevendo?). Titolo della pellicola è Aftermath, cortometraggio diretto dallo spagnolo Nacho Cerdà.

Sabato, 08 Febbraio 2014 00:00

Urgent Rainbows

Scritto da

Anche quest’anno ad Avellino la festività della Candelora è stata occasione di sensibilizzazione a favore dei diritti delle persone LGBT con una serie di iniziative sostenute dalla sezione avellinese dell’Associazione di Promozione Sociale "i Ken Onlus". Un programma che ha visto presentazioni di libri, concerti e proiezioni di corti e mediometraggi provenienti dall’ultima edizione di Omovies – Festival di Cinema Omosessuale & Questioning, tenutasi a Napoli dal 16 al 20 dicembre scorsi. Un festival giunto alla sua sesta edizione e che si contraddistingue per essere forse l’unica kermesse cinematografica dedicata esclusivamente alle tematiche LGBT del Sud Italia, meritevole di far conoscere, in concorso e fuori concorso, opere provenienti dall’Italia e dal resto del mondo difficilmente visibili nei circuiti della normale distribuzione (basti pensare a lavori di una certa eco usciti in poche copie in Italia, come Lo sconosciuto del lago di Alain Guiraudie, o a film dal potenziale più commerciale non adeguatamente sfruttato, tipo  la divertente commedia di Ivan Silvestrini Come non detto del 2012).

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. I proverbi, almeno così si dice, sbagliano raramente. Perdere un vizio non è semplice. Sbagliando non sempre si impara. Jordan Belfort, il protagonista del nuovo film di Martin Scorsese, è la sintesi perfetta del famoso proverbio latino. Vent’anni e poco più, apprendista broker a Wall Street, figlio di due commercialisti, novello sposo ed uno spiccato senso per gli affari.
Nel suo cassetto un solo sogno: diventare milionario, a qualsiasi costo.

Giovedì, 30 Gennaio 2014 00:00

Nebraska, la strada del perdono di Alexander Payne

Scritto da

Ci riprova a fare il botto a distanza di due anni dal suo ultimo lavoro, Paradiso Amaro, valsogli l’oscar come miglior sceneggiatura, il regista statunitense Alexander Payne e stavolta lo fa con un road movie in stile retrò, un viaggio fisico che compiono due personaggi, un padre anziano con il figlio, viaggio che diventa il pretesto per scoprire gli scheletri nascosti della loro famiglia.

Martedì, 28 Gennaio 2014 00:00

Il sangue di Delbono

Scritto da

Mentre grandi cineasti come Leos Carax allestiscono film come cerimonie funebri al cinema − in Holy Motors si compie un viaggio a bordo di una bianca Limousine per portare l’estremo e raffinatissimo saluto del regista al caro, amato estinto: il cinema − Pippo Delbono, invece, rilancia con una sua già collaudata alternativa, portandoci in quel luogo della sua mente dove cinema e teatro si fondono dando vita a nuove mutanti forme di arte. La sua è una creatura con le branchie e le ali che ha ricevuto il patrimonio genetico di entrambi i genitori.

Martedì, 04 Febbraio 2014 00:00

L'Altro Cinema, parte IV – Vomit Gore Trilogy

Scritto da

Riprendiamo questa cavalcata nell’abisso, un percorso che, pian piano, ho deciso (deciso è un parola grossa, semplicemente è andata così) di raccontarvi tra le nubi dell’alcol. L’esperimento precedente con Nekromantic è riuscito, nel senso che chi vi scrive si è divertito. Fanculo quindi i buoni propositi di psicanalizzare l’Arte del disgusto con mente lucida e razionale. Ci penserà il mio immancabile scotch a psicanalizzare semplicemente me stesso. Il film, o meglio i film che vi raccontiamo oggi (trattasi di una trilogia) sono un ennesimo viaggio nell’orrore più eccitante che la mente umana possa immaginare. Opera del regista, a quanto pare satanista, Lucifer Valentine.

Il capitale umano non è la solita commedia all’italiana, né tanto meno il caratteristico e improponibile film natalizio che ormai troppo spesso riempie i botteghini della nostra penisola.
Non è un film drammatico o un banale thriller familiare.
Tante, le vite che abilmente si intrecciano in piccole storie, per ricongiungersi nel tanto atteso epilogo.

Sabato, 18 Gennaio 2014 00:00

Martin Scorsese 03: Taxi Driver

Scritto da

Datore di lavoro: Insomma, qual è il tuo problema?
Travis: Passo la notte in bianco.
Datore di lavoro: E vatti a vedere i porno film.
Travis: C’ho provato, ma è lo stesso.
Datore di lavoro: E allora che fai la notte?
Travis: Vado in giro fino al mattino in metropolitana. Allora ho pensato, se è così è meglio che mi faccia pagare.
Datore di lavoro: Che quartieri preferisci? South Bronx, Harlem?
Travis: Per me non fa differenza.
Datore di lavoro: Lavori nelle feste ebraiche?
Travis: Per me non fa differenza.
Datore di lavoro: Dai, fammi vedere la patente di guida. Come sono i tuoi precedenti?

Amarezza. È questa la parola che avevo in mente dopo aver visto l’ultimo film del regista francese Philippe Le Guay, Molière in bicicletta, uscito nel dicembre scorso nelle sale italiane. Eppure l’essenza e l’atmosfera che si respirano in tutta la pellicola non sono sintetizzabili in un'unica parola, così come non è racchiudibile in un’unica parola il personaggio teatrale al quale si ispira il protagonista del film, il misantropo Alceste dell’omonima pièce teatrale di Molière.

Giovedì, 09 Gennaio 2014 00:00

L'Altro Cinema, parte III – Nekromantik

Scritto da

Riprendiamo la nostra rubrica dedicata all’Altro Cinema raccontandovi di una pellicola, anzi una doppia pellicola, che è il fiore all’occhiello del cinema underground estremo. Trattasi di Nekromantik, film del 1987 di Jörg Buttgereit seguito poi da Nekromantik 2 nel 1991.

Pagina 10 di 13

Sostieni


Facebook