“se ne restò a guardare, che stupido, Dio mio, che stupido”

Nicola Pugliese

La fucina delle scritture

Extra La locanda delle chiacchiere

«Il viaggio s’arresta in una locanda: scoppietta la fiamma, una musica dice il suo tono, il bisbiglio di voci vi domina legando i tavoli ai tavoli, gli uomini agli uomini. È qui che i racconti s’incontrano».

Domenica, 19 Settembre 2021 00:00

I tuoi occhi non mi fanno più dormire

Scritto da

È il 2015.
Quando la conobbi ero nel bel mezzo di una fase impegnativa della mia ricerca di una posizione lavorativa stimolante e proiettata nel futuro. Di offerte ne avevo avute diverse ma ancora mancava quella che rispondesse appieno alla mia tendenza irrinunciabile nel settore industriale. Vale a dire la creatività in senso lato.

Domenica, 12 Settembre 2021 00:00

Trattatello

Scritto da

PREFAZIONE:
le parole seguenti
sono un fango di cellule nervose,
tenute insieme dal silenzio.

Domenica, 05 Settembre 2021 00:00

Vale di più una donna

Scritto da

Eravamo sdraiati sul divano nel nostro soggiorno da sogno. La luce del sole inondava la stanza. Noi due, io Alberto e lei Elisa, mia moglie. Sul tavolino accanto a noi due bicchieri e una bottiglia di Moscato dell’Oltrepò Pavese. Di tanto in tanto riempivo i bicchieri e passavo a Elisa il suo. Le mie mani le accarezzavano le gambe sotto la gonna. Lei non si ritraeva, solo qualche sospiro, un gemito infine. La finestra era aperta, e si udiva il continuo brusio della gente che passeggiava in Via Dante nel Centro di Milano.

Domenica, 29 Agosto 2021 00:00

Pugni chiusi. Per sempre

Scritto da

Questa luce m’acceca. È fredda come il tavolo che sento aderire alla mia schiena. Ho freddo. Ho un freddo che brucia, brucia a causa di qualcosa che ho in corpo e che non dovrei avere, non avrei mai dovuto avere.
E invece...

Domenica, 01 Agosto 2021 00:00

Come un bimbo già torpido di rancore

Scritto da

Come un bimbo già torpido di rancore,
sono esploso all’ennesimo insulto,
per collassare, lo vedi,
sul sistema nervoso (ovvio: è il mio nucleo...).

Domenica, 25 Luglio 2021 00:00

Gelido è il fiore

Scritto da

Vento mediterraneo 

Sono vento e semi di vite
Che il mare restituisce
Quanto basta a seppellire.

Domenica, 18 Luglio 2021 00:00

Momenti di vera vita

Scritto da

Cos’altro potevo fare, io Marco, se non chiamare Fabio per prenderci insieme una boccata d’aria pura. Ne avevamo bisogno tutti e due, Fabio lo sapeva. Un weekend lungo, il venerdì era una festività religiosa. Con il mio smartphone ho composto il numero dell’amico. Poche le parole, com’era nostra abitudine in certi casi. Il giorno dopo siamo partiti, era l’alba, con l’auto di Fabio per Borgo Valbelluna, dove la mia famiglia ha uno chalet nei pressi del Piave.

Domenica, 11 Luglio 2021 00:00

I dubbi, le incertezze?

Scritto da

I dubbi, le incertezze?
Timide e infantili
diplomazie dell’ambizione.

Domenica, 04 Luglio 2021 00:00

La marmellata di prugne

Scritto da

Mio fratello Claudio già da piccolo amava la marmellata di prugne.
L’aveva assaggiata per la prima volta a cinque anni, quando la nonna ci aveva portato in visita da una sua cugina, grinzosa e vestita di nero, che con il vocione virile e catarroso delle vecchie fumatrici, gli aveva proposto: “E tu, piccolino, la vuoi assaggiare una mia prelibatezza?”

Domenica, 27 Giugno 2021 00:00

Tu, che ristabilisci

Scritto da

Tu, che ristabilisci l’alleanza originaria
(sì, quella con Noè);

Domenica, 20 Giugno 2021 00:00

Il gigante di ghiaccio

Scritto da

Vagava nella sconfinata landa innevata, il gigante regnante di tutti gli inverni polari. Nei suoi occhi sterili, coltivava l’antartico, nelle sue fredde vene, scorreva la bruma. Come una pioggia di neve pianse, nel cuor suo, un tempestoso silenzio. La sua figura possente si confondeva con le alte montagne ricoperte dalle bianche raffiche del vento. Ogni sua impronta lasciata sul bianco manto veniva ricoperta di nuova neve caduta dalla tormenta senza fine, sicché il gigante non sapeva di dove veniva; non sapeva per dove andava: il gigante credeva soltanto di vagare sulla terra delle nevi dall’alba dei tempi e che forse sarà così fino alla fine di queste terre.

Domenica, 13 Giugno 2021 00:00

Forse il tempo è l’onda d’urto del Big Bang

Scritto da

Forse il tempo è l’onda d’urto del Big Bang
(e l’ira, l’onda d’urto dell’odio).
Forse il corpo è il marchio di Caino,
la stella di David (o meglio di Adamo)

Domenica, 06 Giugno 2021 00:00

Luce antica

Scritto da

Esilio

E il tuo dolore invece non è assente.
avanza come la primavera.

Domenica, 30 Maggio 2021 00:00

La più bella canzone d’amore che c’è

Scritto da

Era domenica quando mi hanno comunicato che la mia richiesta di essere accettata in TV come ospite del più seguito show che tratta temi culturali di attualità, aggiungendo di preparami ad affrontare le impegnative domande di Rolly Magri, il conduttore di quella serie che era solito fare ai partecipanti.

Pagina 1 di 23

Sostieni


Facebook