“Non c'è niente da insegnare, non si può davvero insegnare altro che se stessi, così come non c'è niente altro da imparare che la singolarità umana, le innumerevoli e sconcertanti possibilità di forma espresse dalla vita"

Emanuele Trevi

La fucina delle scritture

Extra La locanda delle chiacchiere

«Il viaggio s’arresta in una locanda: scoppietta la fiamma, una musica dice il suo tono, il bisbiglio di voci vi domina legando i tavoli ai tavoli, gli uomini agli uomini. È qui che i racconti s’incontrano».

Domenica, 05 Gennaio 2020 00:00

Meglio dire le cose come stanno

Scritto da

Che suo marito Loris soffra d’insonnia non la preoccupa più di tanto. Lei, Silvia, confida che tra un dosaggio e l’altro di Xanax prima o poi Loris possa tornare alla normalità. Nel frattempo lui ha preso l’abitudine di alzarsi in piena notte, rifugiarsi in salotto, accendere il computer fumando una sigaretta via l’altra con accanto il bicchiere del suo whisky preferito. Il computer come interlocutore informatico per tentare di far venire alla luce un sia pur esile indizio relativo alle ragioni esistenziali del suo stato d’animo.

Domenica, 29 Dicembre 2019 00:00

Se qualche volta sono morto

Scritto da

RENDEZ-VOUS

Là dove il giorno incontra il latrato dei cani
che si spartiscono un osso,
là dove il mare più grosso diventa bonaccia
dove ogni traccia
di invidia e superbia scompare
e si apre la noce del cuore

Domenica, 22 Dicembre 2019 00:00

Venezia: prove generali per una sparizione

Scritto da

Questo posto odora di fritto spinto e di muffa, di profumi francesi e di fogna. È un posto che c’è, ma non si trova. Ci arriviamo, a Venezia, senza possibilità di sbagliarci, ma poi non la troviamo.
Strenati (con la n) a Santa Lucia, ci abbagliano il sole – perché a Venezia fa sempre caldo, anche la notte di Natale – e i trasportatori di bagagli “autorizzati”, anche se si sa chi li ha autorizzati, visto che la scritta l’hanno tutti, ma è sempre diversa e c’è chi l’ha attaccata col nastro adesivo, chi con lo spago e uno l’ha inchiodata sul legno.

Domenica, 15 Dicembre 2019 00:00

Varuna

Scritto da

Claudia è due persone diverse, ha i capelli castano chiaro, con qualche venatura di biondo tra una ciocca e l’altra, gli occhi verdi che s’iscuriscono poco a poco verso la pupilla, dove hanno il colore del miele, le labbra sottili fuori e dure ma dentro piene e piene di curve, la pelle bruciata, ma liscia come il vetro levigato dall’acqua. Se la guardi di giorno è calda e sicura, un fusto di legno ancora fresco, con la corteccia chiara, che se la tiri via si stacca in filamenti lunghi e pieni d’odore e lascia aperte ferite che si saneranno presto. Ma se la guardi di notte è buia e profonda, come il carbone che rimane quando le fiamme si sono spente, e devi grattare via un bel po’ di corteccia bruciata per trovarci sotto il profumo della linfa. Ora è notte e la luna calante le schiarisce il volto solo un poco, quel poco che basta comunque per farla stare esattamente nel mezzo tra la legna e il carbone, tra l’immagine di lei che mi rassicura e quella che mi spaventa.

Domenica, 17 Novembre 2019 00:00

Litania periferica

Scritto da

È ancora buio quando mi alzo
e spalanco le imposte sul sagrato,

butto ai gatti del cibo, poi scalzo
mi inginocchio a pregare, grato,

“mio Signore e mio Dio”, come Tommaso
per un giorno da inventare tutto mio

(sacro per fede o dannato per caso;
rischio e peccato): purché sia io

a decidere, prego, se salvarmi
o bruciare nella colpa; io.

Domenica, 03 Novembre 2019 00:00

Quali volatili solcano il cielo

Scritto da

Di là dalle dolci colline del suo podere nell’Oltrepò Pavese Renato osserva il continuo svolazzare lassù, in movimenti talvolta come affettati, aggressivi in altri momenti. Repentini scatti si alternano a timide volute. Non li riconosce, non gli sembrano tutti della stessa specie, fa solo delle supposizioni sulla loro natura. Sotto, il fiume scorre lento. L’orizzonte tremola.

Domenica, 20 Ottobre 2019 00:00

Rosso

Scritto da

“Erano tre mesi, dodici giorni e sei ore che non scopava, non teneva il conto dei minuti perché era una cosa patetica. L’ultima volta l’aveva accolto Emilia dentro di sé, che stavano insieme da tre anni ma i primi due erano stati veri e l'ultimo si era aggiunto in coda solo perché si annoiavano a stare da soli. E pure a scopare era diventata tutta una moina per evitare di dirsi che non avevano più voglia di scoparsi davvero: lui infilava quello che aveva tra le gambe dentro quello che aveva tra le gambe lei e andavano avanti con questi movimenti meccanici che erano memoria fossile di un erotismo dissoltosi nel tempo, diventato odori e sapori di pelli lontane.

Domenica, 06 Ottobre 2019 00:00

Eskimo

Scritto da

Dopo una notte ormeggiate sulla riva, le barche hanno un odore agrodolce. Il legno umido s’impregna di salsedine e quando il sole inizia a battere sulle assi e sui remi, viene fuori un profumo che non sembra d'estate. È più leggero, a volte lo senti ed altre scompare, aleggia tutt'intorno la spiaggia e lentamente evapora, insieme al buio. Tra poco questo pezzo di sabbia si riempirà di voci e di passi, ma adesso è ancora vuoto. A quest’ora i gabbiani sono gli unici abitanti della spiaggia e il loro stridio rende meno spaventoso tutto questo silenzio. Mi tolgo le infradito e le infilo dentro la mia borsa a tracolla. La sabbia è ancora fresca dalla nottata, raggiungo la riva per controllare la temperatura dell’acqua. Un’onda mi bagna le dita dei piedi, sento un brivido leggero che mi corre dietro la schiena.

Giovedì, 03 Ottobre 2019 00:00

18 maggio

Scritto da

Ti penso con l’anima assorta nel buio
Mi chiedo se sia il destino
che a volte fa lo scroscio di un pianto
o il cinguettio d’autunno in un bacio.

Domenica, 29 Settembre 2019 00:00

C'è sempre una forza vitale

Scritto da

Si tratta solo di cercarla. La passiva accettazione di ciò che ti ha accompagnato nel bene e nel male nei tuoi giorni è una sorta di rinuncia alla dinamica della tua esistenza.
Sì, oggi voglio parlare del mio percorso umano. Devo dire tutto, senza tralasciare quanto può apparire ininfluente al fine della comprensione del mio percorso di vita? Magari farmi trasportare dal pensiero nella convinzione che la vita è solo un alternarsi di casualità?

Domenica, 08 Settembre 2019 00:00

Conflitto di interessi

Scritto da

Se ne sta alla finestra della sua casa di Via Meravigli, nel Centro di Milano. Osserva la gente che là sotto sciama da ogni parte, chi quasi di corsa, chi con incerta lentezza.
Ma perché mai, si sta domandando Ricky, sono interiormente spinto a immaginarmi dove va quella gente, cosa ha in mente, quale sarà la conclusione del loro girovagare?
Da pochi mesi gli è mancata per una fulminea malattia la moglie Gabriella, per gli intimi Gabry. Aveva trentacinque anni.

Domenica, 21 Luglio 2019 00:00

Dei limiti divisori

Scritto da

Arrivò al ristorante con un’ora di ritardo. Mio padre era fatto così, gli piacevano i gesti plateali. Quella festicciola abbastanza intima l’aveva organizzata mamma per la mia licenza di terza media. Era visibilmente orgogliosa della mia pagella: uno strepitoso dieci in lingua italiana e otto in tutte le altre materie. Insomma, la migliore studentessa dell’Istituto.

Domenica, 07 Luglio 2019 00:00

Per lei, figlia di pirati

Scritto da

Racconto liberamente ispirato alla canzone Rimini (1978) di Fabrizio De André 

Quell’Adriatico azzurro e quella sabbia bianca e accecante preferivo guardarmeli in solitudine, su strisce di terre che si allontanavano dalle spiagge affollate di una specie di nuovo carnevale estivo, in mezzo alle dune orientali e ai canali creati dalla risacca, battuti dal vento, mentre il vento incessante raccontava che proprio quei luoghi che amavo erano fatti apposta per gli addii, ma solo per gli addii silenziosi, in cui le carezze del vento si dipanano in sorrisi lontani, in strade perdute, in vite non vissute e occasioni mancate. Amavo le occasioni mancate e amavo anche il vento che mi portava l’assenza. Del resto io ero straniero in quel luogo, figlio di un’altra epoca e di un altro universo, non sapevo fare altro che scrivere piccole parole dedicate a quel mare e a quel vento.

Domenica, 23 Giugno 2019 00:00

Un raffinato disordine

Scritto da

Il primo ricordo nitido della mia vita coincide con quello che mio padre definì “un mezzo disastro annunciato”. Vennero a prendermi alla scuola elementare in mattinata. Poche ma misurate parole, come era sua abitudine.
− Ci hanno derubato − mi disse mio padre facendomi salire in auto.
Non capivo cosa volesse dire, e gli chiesi più con gli occhi che con la bocca di essere più chiaro. Parlò lui, mia madre zitta.

Pagina 2 di 19

Sostieni


Facebook