“Ho forse dormito mentre gli altri stavano soffrendo? Sto forse dormendo in questo momento?”

Samuel Beckett; Aspettando Godot

Interviste

Extra La locanda delle chiacchiere

«Il viaggio s’arresta in una locanda: scoppietta la fiamma, una musica dice il suo tono, il bisbiglio di voci vi domina legando i tavoli ai tavoli, gli uomini agli uomini. È qui che i racconti s’incontrano».

Lunedì, 24 Novembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Elio Bargagni

Scritto da

Elio Bargagni è un uomo che ha vissuto molte vite, che ha sempre tante storie da raccontare, che ama costantemente intrecciare relazioni e che ripete, ad ogni occasione, che ama profondamente le donne: tutte le donne.
Gelosissimo delle sue opere preferisce non venderle anche quando i suoi estimatori si fanno insistenti. Adesso che ha 85 anni, ha collezionato oltre duecento mostre di acquerelli, realizzati in ogni parte del mondo. Da poco tempo ha acquistato un Ipad con il quale fotografa angoli particolari delle città per poi ricrearli nel suo studio: anche se preferirebbe ritrarre dal vero.

Giovedì, 20 Novembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Sergio Nardoni

Scritto da

Sergio Nardoni è conosciuto in tutta Europa come il “Pittore dei Principi” e, dal 2011, ha uno studio a Pechino, dove si reca per lavorare almeno tre mesi l’anno. Ha realizzato ritratti per i grandi personaggi della cultura e dell’Arte, raccolti poi nelle mostre monografiche Amici in posa del 1988 e Incontri su tela del 2005.
Vedere la sua tavolozza fa comprendere non solo la passione che ha per l’arte ma come, questo artista, riesca a fare tesoro di ogni esperienza passata ogni volta che mette le mani su una nuova tela.

Lunedì, 17 Novembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Piero Sani

Scritto da

Piero Sani iniziò disegnando i galli, galli tutti baldanzosi ripresi dalle pubblicità con i quali esprime anche la sua vena ironica e critica. Da una pittrice italiana che imita Dalì trae spunto per i suoi paesaggi surreali, ma solo dopo scopre il vero Dalì dal quale resterà fortemente affascinato. Il passaggio successivo lo vede impegnato nel ritrarre cavalli con il corpo di donna e subito dopo donne con il corpo d’animale: le sfingi.

Giovedì, 13 Novembre 2014 00:00

ART3.0: AutoRiTratto di Rossella Baldecchi

Scritto da

Una continua ricerca di leggerezza, di armonia, di essenziale bellezza. Talvolta sembra di attraversare un giardino giapponese per il metodo e l'ordine con cui cura ogni dettaglio necessario all'equilibrio delle sue opere. Il rapporto paritario con l'uomo, l'impegno sociale, l'attenzione ai drammi umani ricolorati come per conferire loro nuova dignità, nuova vita, nuove speranze.
Rossella Baldecchi inizia ad esporre nel 1983, anno in cui viene selezionata anche per l'esposizione internazionale Mostra delle giovani Presenze Artistiche in Toscana.

Lunedì, 10 Novembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Serena Tani

Scritto da

Serena Tani è una donna determinata e forte, sfuggente come alcune delle sue opere, generosa e comunicativa.  Si intravede quasi il suo pensiero attraverso i grandi occhi chiari, ma non si riesce a seguirlo. Ama il teatro, la poesia, la sua ricerca è inarrestabile. Passa dal figurativo ad un figurativo destrutturato attraverso i suoi manichini che veste di ogni tipo di emozione umana.

Giovedì, 06 Novembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Riccardo Macinai

Scritto da

Riccardo Macinai si è avvicinato alla fotografia ed alla pittura in maniera spontanea e da autodidatta, guidato soprattutto dalla voglia di conoscere e sperimentare.
È particolarmente interessato al tema del ritratto, tema che nel tempo ha approfondito e declinato in vari modi. I suoi lavori nascono sempre da uno scatto fotografico che può rimanere tale e quindi materializzarsi in una stampa fotografica, oppure può intraprendere un percorso più complesso che, attraverso la pittura e la manipolazione digitale, porta alla realizzazione di nuove opere.

Lunedì, 03 Novembre 2014 00:00

Art 3.0: AutoRiTratto di Giovanna Sparapani

Scritto da

“… Il dominio dei graffitari si estende, progressivamente e tentacolarmente sui muri sbertucciati e le muraglie bigie di centro e periferia: una realtà in continuo e frenetico mutamento, tra frammenti abbozzati e opere più o meno compiute. Un linguaggio particolare, un codice particolare – che non a caso contempla formule ricorrenti misteriose e occulte, o intellegibili ai soli iniziati alla cabbala dell’arte di strada.

Lunedì, 27 Ottobre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Fabrizio Breschi

Scritto da

Fabrizio Breschi ha insegnato all’Accademia di Belle Arti di Firenze e di Milano. La sua vita è stata un’avventura continua tra viaggi in compagnia di ricchi armatori e aperitivi in piscina con gli amici di Sean Connery. A quindici anni vuole fare il cantante, ma la sera prima di presentarsi a Castrocaro una tonsillite lo rende afono. A venti gira il suo primo e unico film, passando notti da favola all’Hotel Plaza di Roma. A trentasei anni è il più giovane titolare di cattedra di pittura all’Accademia di Brera.

Giovedì, 23 Ottobre 2014 00:00

Art 3.0: AutoRiTratto di Enzo Archetti

Scritto da

“Ogni segno può entrare nella trama di una storia, di un quadro” (Segni che raccontano Sogni).
Enzo Archetti, dopo la prima esposizione a Brescia nel 1973, ha partecipato a numerose mostre personali in Italia e all’estero.
Particolare successo ha ottenuto in Giappone a Tokio nel 1991 presentato dalla Galleria Forni di Bologna, nel 2004 al Modern Art Museum di Kuwait City e nel 2011 in Cina, Galleria East Gallery di Pechino, mostra organizzata da Artequadri di Camposampiero

Pagina 10 di 12

Sostieni


Facebook