“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Interviste

Extra La locanda delle chiacchiere

«Il viaggio s’arresta in una locanda: scoppietta la fiamma, una musica dice il suo tono, il bisbiglio di voci vi domina legando i tavoli ai tavoli, gli uomini agli uomini. È qui che i racconti s’incontrano».

Lunedì, 22 Settembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Domenico Antonacci

Scritto da

"Cerco nella tela di esprimere un’energia che da dentro sento uscire fuori di me ogni volta che mi dedico ad una nuova opera, spero di migliorare le mie capacità, con la pazienza e la calma che mi caratterizzano e con la fiducia che ci sia sempre spazio per crescere. Mi piace confrontarmi con la critica, partecipare a mostre di opere d’arte, dove talvolta mi sento un po' a disagio, insicuro, ma sono soddisfatto di farlo, mi sento appagato e questo mi dà energia per continuare la mia ricerca, stimolando la curiosità di conoscere cosa potrò dipingere domani.
Mi auguro di produrre opere capaci di emozionare l’osservatore, di fargli provare senzazioni positive.
Ad oggi sono ancora in una fase sperimentale, di ricerca, di continuo confronto con me stesso e con la realtà".
(fonte: www.equilibrarte.net)

Giovedì, 18 Settembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Enrico Carniani

Scritto da

Enrico Carniani, inizia la sua attività nel ’68 e viene premiato per la prima volta a Napoli nel 1972 partecipando ad un concorso dal tema “Arte Sacra” dove presenta un elaborato ancora di tipo figurativo in un periodo di grande tensione sia politica che sociale per l’Italia.

Lunedì, 29 Settembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Antonella Lomonaco

Scritto da

"Frequento da anni il Laboratorio di Arti Visive diretto da Claudio Giomi e ho partecipato a molte collettive tra Firenze, Siena, Casole d’Elsa, San Gimignano e Colle Val d’Elsa, ma le mostre più importanti sono state una personale nei locali della Regione Toscana, a Palazzo Panciatichi e alla Limonaia di Palazzo Strozzi a Firenze. I miei soggetti preferiti per anni sono stati i paesaggi, le marine e la natura in genere, ma da qualche tempo mi sono avvicinata alla figura femminile in una ricerca di quelle  emozioni che anche in una figura ritratta di spalle si possono percepire".
(fonte: ilcenacolo.wordpress.com)

Lunedì, 01 Settembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Carlo Maltese

Scritto da

Carlo Maltese (Firenze, 1947) artista, designer, professore per più di trent'anni negli istituti di istruzione artistica, collaboratore per progetti e riviste di architettura, vanta al suo attivo, negli oltre quarant'anni di attività, numerose partecipazioni ad eventi nazionali ed internazionali, nonché alcune personali in prestigiosi spazi espositivi e musei. Di natura introversa e autodidatta per vocazione, nonostante i titoli di studio conseguiti e i continui aggiornamenti, fin da giovanissimo si accosta a tematiche che, come ebbe a scrivere Lara Vinca Masini nel 1973, “hanno più riferimento all'estero, per esempio con il “nouveau-réalisme” francese, che non in Italia”.

Lunedì, 08 Settembre 2014 00:00

ART 3.0: AutoRiTratto di Luca Canavicchio

Scritto da

Diplomato alla sezione di Decorazione pittorica e Restauro all'"Istituto Statale d'Arte" di Firenze e in seguito laureatosi in storia dell'arte contemporanea, Luca Canavicchio ha svolto l'attività di pittore e decoratore e di insegnante di Illustrazione e Storia della Gioielleria Contemporanea alla scuola internazionale di gioielleria 'Le Arti Orafe di Firenze'. La sua attività nel campo delle arti applicate inizia, in realtà, come decoratore nella bottega artigiana di famiglia. Nel 2005, sotto la guida dei ceramisti Sandra Pelli e Stefano Giusti, inizia la sperimentazione delle diverse tecniche di produzione ceramica fino all'apertura di un proprio laboratorio, a Galliano di Mugello, nel quale realizza opere plastiche caratterizzate da una forte sintesi formale operata a partire dalle forme naturali di partenza. Luca Canavicchio produce esclusivamente pezzi unici, eseguiti interamente a mano con le tradizionali tecniche del modellato a tutto tondo, della lastra e del colombino, dei quali cura personalmente ogni fase realizzativa, dal progetto alla finitura. Lavora principalmente in maiolica, spesso con dorature e lustri metallici al terzo fuoco.
(fonte: fondazioneartigianato.it)

Mercoledì, 20 Agosto 2014 17:52

ART 3.0: AutoRiTratto di Roberto Braida

Scritto da

Autodidatta, fin da ragazzo si dimostra portato per le discipline artistiche e nonostante la scomparsa prematura del padre, non perde di vista il suo primario obiettivo: continuare a dipingere per ricercare una propria dimensione artistica.
Pittore/Disegnatore/Pittore figurativo con accenni surreali e metafisici; dipinge ad olio sia su tavola che su tela. I suoi soggetti preferiti sono i paesaggi marini, dove il mare diventa primo attore di una storia surreale.
Partecipa attivamente alle più importanti fiere di settore in Italia e all'estero, da Padova a Bari, da Bologna a Miami.
Un'importante mostra nell'ottobre del 2003 alla Stazione di Venezia Santa Lucia dal titolo Oltre-mare, in collaborazione con Grandi Stazioni, rende ancora più solida e importante la presenza di questo artista sul mercato nazionale ed internazionale.
(fonte: arte-sanlorenzo.it)

Quando ti sei accorto di voler essere un artista?
In giovanissima età mi accorsi del bisogno irrinunciabile di disegnare continuamente, e intorno ai quattordici anni iniziarono gli approcci con il colore, che scoprii di amare moltissimo; in questo periodo creai le prime tempere su carta. Attorno ai diciotto anni, poi, iniziò l’avventura della “vera” pittura, con i colori ad olio francesi che mi furono regalati e che, da allora, non ho mai abbandonato.

Lunedì, 01 Settembre 2014 00:10

ART 3.0: AutoRiTratto di Piero Gensini

Scritto da

Piero Gensini, sessantanove anni, fiorentino, ha esordito come pittore e a metà degli anni ‘70 si è dedicato alla scultura. Ha tenuto ventisette personali, e partecipato a ventidue simposi internazionali e a più di duecentotrenta collettive. Le sue opere sono custodite nei maggiori musei. È vicepresidente della Classe di Scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.

C’era un ragazzo che, come me, amava Tozzi e l’Astra Doc…Potrebbe iniziare così la nostra storia, ma andiamo con ordine.
C’era una volta un giovane nerd che ogni lunedì sera andava al Cinema Astra e che, una volta “cresciuto”, ne parlava e scriveva continuamente. Questo perché il nostro nerd, anche da “grande”, il lunedì sera continuava sempre ad andare al cinema, ma nelle multisale semivuote. E non era la stessa cosa…
Ecco, però, che la storica sala di via Mezzocannone, nel frattempo divenuta aula universitaria, di tanto in tanto, tornava ad essere cinema. Una situazione che ricordava il Pinocchio versione Comencini, che, nel corso delle varie puntate, a volte era burattino, a volte bambino in carne ed ossa, secondo una magia della fata “Lollo”-turchina.

Lunedì, 07 Luglio 2014 06:04

Quei fumetti che non ti aspetti

Scritto da

Oggi parliamo di Luciop, Prenzy e Batawp, e cioè tre ragazzi di Palermo che da qualche anno hanno deciso di unirsi sotto il vessillo del Pee Show (ditelo ad alta voce!). Un concetto di fumetto del tutto personale, dove tre matite differenti danno vita a un'armonia unica e diversa da tutto quello che finora avete visto sul web. Una nuova realtà composta da tre persone che disegnano da sempre, che portano avanti il proprio personale progetto, ciascuno con un background diverso e anche un po' insolito. Un progetto con uno scopo: andare avanti, non fermarsi mai e approdare, un giorno, sulla carta stampata.

Pagina 10 di 11

Sostieni


Facebook