"Pupi siamo, caro signor Fifì! Lo spirito divino entra in noi e si fa pupo. Pupo io, pupo lei, pupi tutti".

Luigi Pirandello

Teatro

Teatro La ribalta di legno

«Le quinte di stoffa con le porte in rilievo, le finestre di vetro dipinto, i vasi coi fiori di carta. In alto una lampada faceva da giorno mentre la notte veniva con la parola “notte”. In terra, una botola, dalla ribalta portava sul retro, dov’erano pronti gli attori».

Venerdì, 08 Luglio 2016 00:00

Pensieri, all'ombra del 58° Parallelo Nord

Scritto da

Per quanto il Napoli Teatro Festival Italia presenti i due giorni con altrettanti titoli – Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa e Corcovado – va scritto subito che si tratta di un progetto unico – 58° Parallelo Nord – basato, leggo dalla brochure, sulla “pratica dell'incontro e dello scambio” intesa come “motore principale della creazione”. In pratica: un performer – Lorenzo Glejeses –; una sequenza-base di alcuni minuti elaborata mesi prima con Michele Di Stefano di MK (“ricordo questa partitura, ripetuta sempre uguale anche nel ritmo, che immediatamente mi annoiò” afferma sorridendo Eugenio Barba sul palco di Galleria Toledo); il tentativo di modificarla live mostrando così metodi di (ri)composizione creativa e tutto ciò che la quotidianità del lavoro di sala generalmente comporta: fatica, sudore, incertezze ed equivoci, tentativi momentanei e improvvisi, suggestioni che nascono, vengono provate e scartate e poi variazioni, sottrazione o aggiunta di materiali, un nuovo modo di dire la stessa frase, una maniera diversa di compiere la stessa azione. Insomma: a Galleria Toledo dovrebbe apparire ciò che, generalmente, agli spettatori è negato e nascosto: il prima di uno spettacolo, l'informe di cui il personaggio che avanza in palcoscenico non è che l'ultima forma acquisita.

Mercoledì, 06 Luglio 2016 00:00

La purezza di Macbeth

Scritto da

Bisognerebbe anticipare in calce che qui si tratta di un saggio. Ma nel nostro caso ritengo riduttivo introdurre così, vista la qualità della regia; lo dico per rettitudine di pensiero.

Martedì, 05 Luglio 2016 00:00

L'Almanacco di Pirrotta allo Steri

Scritto da

Almanacco siciliano delle morti presunte è il romanzo Roberto Alajmo da cui Vincenzo Pirrotta ha tratto l’ultimo spettacolo da regista e interprete, Almanacco Siciliano, produzione estiva del Teatro Biondo di Palermo. Il testo racconta in soggettiva gli ultimi istanti di vita di uomini e donne uccisi nel corso di cinquant’anni della guerra di mafia in Sicilia, dalle vittime volute – giudici, magistrati – a quelle casuali cui l’autore concede particolare attenzione. Queste sono Biagio e Giuditta, travolti nel ’85 da un inseguimento a sirene spiegate davanti al loro liceo palermitano; sono i gemelli di Pizzolungo saltati in aria insieme alla madre nell’attentato al magistrato Carlo Palermo; sono Gaetano Bottone e Claudio Domino figli di padri sbagliati sacrificati al dio onore.

Martedì, 05 Luglio 2016 00:00

La poesia del circo, rimasta senza parole

Scritto da
La Morte − la Morte di cui ti parlo − non è
quella che seguirà la tua caduta, ma quella
che precede la tua apparizione sul filo. È
prima di scalarlo che tu muori. Colui che
danzerà sarà morto − deciso a tutte le
bellezze, capace di tutte.
(Jean Genet)
 
 
 

Il pubblico è tutto sui palchetti. La platea è sgombra, non ci sono poltrone. Al loro posto il tondo di un circo a strisce rosse e blu. Due passerelle curve fanno da cornice a metà della circonferenza. Sul palcoscenico il proiettore ci offre le immagini in bianco e nero del circo: acrobati, animali, persone fuori dal comune.
Lunedì, 04 Luglio 2016 00:00

Limiti e risorse profondamente umane

Scritto da

Pinocchio, la celebre fiaba italiana di Collodi è stata presentata all’edizione del Napoli Teatro Festival al Mercadante con la firma di Joël Pommerat, una delle voci più interessanti del teatro internazionale. Il tocco del regista dona una forma particolare alla storia che nella messa in scena è stata riadattata pur mantenendo le componenti essenziali della fiaba originale: egli la anima del suo senso personale. Si avverte la sensazione infatti di essere catapultati all’interno di un universo sorprendente e nuovo pur mantenendo i tratti della fiaba primitiva.

Domenica, 03 Luglio 2016 00:00

"Questa è la sua casa"

Scritto da

Racconterò, senza svelare troppo, quello che mi è accaduto partecipando a Il vecchio fango, spettacolo del Teatro dei Sensi Rosa Pristina che trae ispirazione da Pasolini e Chagall. Parlerò per me soltanto perché Il vecchio fango è un labirinto sensoriale per un viaggiatore alla volta e quello che ho vissuto in quei quarantacinque minuti è accaduto unicamente a me. C’entra il mio modo di essere e la mia immaginazione, il mio stato d’animo. Ed è proprio ciò che mi hanno chiesto all’ingresso prima di partire: “Come ti senti?” e io ho risposto: “Emozionata”.

Sabato, 02 Luglio 2016 00:00

Mare Redentore

Scritto da

Una nota di pregio di questa edizione del Napoli Teatro Festival Italia è la scelta dei luoghi della città estremamente suggestivi per raccontare come una storia si possa trasformare in teatro. Dopo Villa Pignatelli, un’altra scenografia naturale è il Molo San Vincenzo occupato dalla Marina Militare e per questo motivo interdetto ai comuni mortali. Per il Festival, la Marina ha offerto ospitalità per la rappresentazione di Mare Mater di Fabio Cocifoglia e di Alfonso Postiglione, storia di mare e redenzione che ha come sfondo il colle su cui domina Castel Sant’Elmo, il Maschio Angioino sulla sinistra e il Porto sulla destra del pubblico.

Opera maggiore di John Ford, Peccato che fosse puttana, fa parte dei grandi capolavori di epoca elisabettiana. Con questo dramma, fosco come "tutto ciò che di sporco, di infame e di abietto è nel fatto di vivere" (Artaud), Ford, ha condotto il teatro oltre la soglia di quel territorio di 'nera libertà' in cui abitano e trionfano le forze oscure; come una pestilenza, che rivela e illumina di luce tetra le crudeltà latenti dello spirito umano, così questo testo, modello di 'crudeltà', libera gli istinti più primordiali e abominevoli, con effetti venefici contagiosi, che dai corpi dei personaggi si trasmettono agli attori, e, quindi, al pubblico. Al di là dei giudizi morali e moralisti che si aggirano in platea alla fine di una rappresentazione come questa, quello che si avverte, è un reale e palpabile sconvolgimento interno, una crisi epatica dovuta ad un eccesso di tossine mandate in circolo da una vita interiore nascosta, non sempre troppo rassicurante: "L'umana natura non è cosa bellissima sotto tutti gli aspetti".

Venerdì, 01 Luglio 2016 00:00

Siria al confine

Scritto da

Esiste tra l’essere e il non essere uno stadio intermedio in cui il corpo riposa ma lo spirito è forse agitato e irrequieto, attento a quello che accade e presente: il coma. Se il coma si intende come estrema battaglia, resistenza alla morte, allora esso non può essere riferito soltanto all’essere umano. Omar Abusaada parla di coma per raccontare della sua Siria. Il palco del Teatro Bellini, che ospita lo spettacolo Mentre aspettavo trattiene lo spirito inquieto di una nazione che non vuole morire e resiste ai bombardamenti e ai massacri di una guerra civile definita dai personaggi stessi “assurda”.

Il Napoli Teatro Festival fa tappa nuovamente al Teatro San Carlo per presentare Cagnasse tutto, uno spettacolo nato da un’idea del Direttore della rassegna Franco Dragone, che porta sul palco più importante di Napoli una delle band più rappresentative della scena musicale partenopea degli ultimi anni.

Martedì, 28 Giugno 2016 00:00

L’assurda danza del capitalismo

Scritto da

Come si può mettere in scena l’attuale sistema di speculazione finanziaria che domina l’economia e il mondo intero? Ci ha provato la compagnia belga dello Zoo Théâtre con lo spettacolo Money!, premiato in Belgio e presentato in anteprima nazionale per il Teatro Festival di Napoli: un obiettivo non facile per un lavoro frutto di una scrittura collettiva che riesce a trovare spunti interessanti ma che, nel complesso, ci appare didascalico e "didatticheggiante"; l’ironia dei dialoghi e delle azioni non sempre riesce a restituire adeguatamente l’assurdità, né la violenza del sistema finanziario, risultando spesso descrittiva nella funzione di smascheramento – un po’ ingenuo e privo di forza – anziché approfondire gli strumenti trovati e le potenzialità proprie del teatro (così affine ai contenuti rappresentati).

Martedì, 28 Giugno 2016 00:00

"Thyssen", tragico contemporaneo

Scritto da

Un’attrice in scena. Sola. In uno spazio assunto come dimora, probabilmente l’unica possibile. L’unica in cui essere. Habitat dove muoversi con disinvoltura, con oggetti, scenografie, luci, postazioni, puntature, a perdere il significato spettacolare e mutarsi in materia quotidiana. L’agio dimostrato sulla scena quasi a non rendersi cosciente d’essere bersaglio di sguardi e osservazioni vigili. Eppure la Balucani sente il pubblico, e se ne fa testimone di comprensione. Quella comprensione collettiva che rende l’evento teatrale dimensione di incontro sociale, prima che spettacolo.

Domenica, 26 Giugno 2016 00:00

Il ciclo della vita e della morte

Scritto da

Passage Through the World: un progetto site-specific focalizzato sul tema del viaggio attraverso territori diversi tra loro alla ricerca di significati, in uno spostarsi che assume le sembianze di un rito catartico, purificatorio rispetto alla perdita. Passaggio attraverso il mondo come inevitabilità della fine di una condizione transitoria di cui facciamo esperienza nel mondo legata in modo imprescindibile con la morte. Passaggio come punto di transizione da un punto ad un altro nella credenza e nella speranza di un potenziale rinnovamento che viene alimentata dalla spiritualità.

Venerdì, 24 Giugno 2016 00:00

La scomposizione dell'attimo visivo

Scritto da

Il buio prevale nettamente sui pochi oggetti fiocamente illuminati sul palco: vi è un lungo tavolo posto verticalmente alla platea su cui si intravedono dei calici e dei piatti, inoltre vi sono solo due sedie trasparenti come quelle del designer Philippe Starck poste da un lato e dall’altro di esso. Un grosso schermo rettangolare è posto alle spalle del lungo banco, qui verranno proiettate le immagini che una piccola telecamera calata dall’altro molto lentamente riprende avanzando sul tavolo a raccontarne le minuzie.

Giovedì, 23 Giugno 2016 00:00

L'amore che danza

Scritto da

Il palcoscenico di Villa Pignatelli dove va in scena lo spettacolo La danse des amants di Sara Sole Notarbartolo è meraviglioso e suggestivo: è il prato di una delle grandi aiuole alberate situate alle spalle dell’edificio neoclassico illuminato di giallo e di blu. È un prato che presenta dossi, piccole collinette, che si presta alla perfezione a raccontare il luogo della storia, una festa di paese che tutti gli anni si ripete il 20 giugno del Millenovecento e qualcosa.

Pagina 9 di 71

Sostieni


Facebook