“Duro? No. Sono fragile invece, mi creda. Ed è la certezza della mia fragilità che mi porta a sottrarmi ai legami. Se mi abbandono, se mi lascio catturare, sono perduto”

José Saramago

Teatro

Teatro La ribalta di legno

«Le quinte di stoffa con le porte in rilievo, le finestre di vetro dipinto, i vasi coi fiori di carta. In alto una lampada faceva da giorno mentre la notte veniva con la parola “notte”. In terra, una botola, dalla ribalta portava sul retro, dov’erano pronti gli attori».

Mercoledì, 06 Marzo 2019 00:00

L’assoluzione

Scritto da

L’ampia sala multimediale del Teatro La Giostra è buia: il nero domina le pareti, i vuoti, gli spazi. Solo una piccola, ma intensa luce, che piove dall’alto, illumina una croce alta poco più di due metri, costituita da una struttura in ferro su cui sono inchiodate delle piccole traverse in legno. La luce, insinuata tra gli spazi crea un chiaro segno di demarcazione tra il chiarore e l’oscurità.

Martedì, 26 Febbraio 2019 00:00

Danze per musica e vita di Rossini

Scritto da

Rivive il genio di Gioacchino Rossini (1792-1868), attraverso uno spettacolo di danza che ne ripercorre l’arte e la personalità, a centocinquanta anni dalla morte, affidato dalla città di Pesaro alla Compagnia Spellbound per ricordare il suo ‘cigno’, diretta dal coreografo Mauro Astolfi, con un lungo calendario internazionale che ha fatto tappa anche nella nostra regione.

Lunedì, 25 Febbraio 2019 00:00

Medea, che siamo noi

Scritto da

L’assito c’è, è di legno, ma non è un palcoscenico: è il calpestio di un furgone bianco del ’94 che lo scenografo Filippo Sarcinelli ha allestito per Medea di strada del Teatro dei Borgia. All’interno solo sette posti disposti lungo i tre lati del furgone dove siedono gli spettatori, a stretto contatto tra loro, scomodi perché è il solo modo per entrare nella scomodissima vita della protagonista che a breve si paleserà.

Venerdì, 22 Febbraio 2019 00:00

Sotto la soglia di attenzione di un pesce rosso

Scritto da

Lunghe code al botteghino del TAN e molti in fila per trovare un biglietto all’ultimo minuto per la rappresentazione di Overload, lo spettacolo pluripremiato che la compagnia Sotterraneo porta in giro da quasi un anno, con successi evidentemente non solo di critica.

L’ultimo spettacolo di Marina Confalone, portato in scena al Teatro Sannazaro, prosegue un percorso di scelte interessanti e molto coraggiose di soggetti teatrali portato avanti negli ultimi anni dalla bravissima attrice napoletana. Questa volta sul palcoscenico si affronta la difficile sfida di un testo di Kafka, uno dei suoi testi più idonei alla rappresentazione teatrale, almeno apparentemente, Una relazione per un’accademia.

Lunedì, 18 Febbraio 2019 00:00

Può un Eschimese vivere in Amazzonia?

Scritto da

La Compagnia The Baby Walk approda al Piccolo Bellini di Napoli con lo spettacolo vincitore del Premio Scenario 2017: mi riferisco ad Un eschimese in Amazzonia, terzo capitolo del progetto “Trilogia sull’identità”. Lo spettacolo, sostenuto e prodotto dalla stessa compagnia e dagli organismi di produzione e residenze della regione Umbria, è una genuina critica alle troppe e inutili classificazioni e categorizzazioni che sono àncore e saldi parametri di conoscenza, identificazione e relazione costruiti dalla società e, in particolare, Un eschimese in Amazzonia si focalizza sulla questione del transgenderismo.

Venerdì, 15 Febbraio 2019 00:00

Provando, ancora, a parlarti davvero

Scritto da

La prima impressione, appena terminato La buona educazione, è che Mariano Dammacco, Serena Balivo e Stella Monesi – cioè i componenti della Piccola Compagnia Dammacco – abbiano messo in scena la separazione (l'impossibilità dunque, per noi due, di stare assieme) avvenuta tra una solitudine e un'altra solitudine appena incontrata, convissuta, conosciuta.
Chi abbiamo, infatti?

Mercoledì, 13 Febbraio 2019 00:00

Lecce, Polo Sud del teatro

Scritto da

È una Lecce fredda e nevosa quella che ritroviamo per la quinta edizione di Kids, il festival dedicato al teatro e alle arti per le nuove generazioni; è una Lecce fredda e nevosa, ma non è per questo che, nel cominciare il presente racconto, ne parliamo come un polo meridionale della teatralità nostrale; banchisa, pack e pinguini non c’entrano col nostro discorso, ad onta di qualche inusuale fiocco di neve visto cascare giù dal cielo salentino d’inizio anno.

Venerdì, 08 Febbraio 2019 00:00

La Scalogna di Emma Dante

Scritto da

Osceno è ciò che mette fine a ogni specchio,
 ogni sguardo, a ogni immagine.
Osceno è ciò che pone termine a ogni
rappresentazione.
(Antonio Neiwiller) 

 

La vostra libertà è conoscere che ogni meta di
vittoria, ogni aspettazione d'applauso è servile.
La vostra bellezza non si vergogna degli abbasso
né degli sputi.
(Elsa Morante) 

 

Che cos'è? O, non vi vergognate? Avete paura e
vorreste farne?
(Luigi Pirandello) 

 

Un attore a volte è una specie di bestia squartata, di
carne da macello nella quale tutti mettono le mani.
(Danio Manfredini)

 

 

 

 

Quando il carretto dei comici, con su la Compagnia della Contessa, raggiunge le falde della montagna e accosta la Villa della Scalogna alle spalle non si lascia solo la fatica del tragitto compiuto, i chilometri fatti in salita, una vallata d'erba e di spighe tagliata di netto: alle spalle si lascia il teatro.

Sabato, 02 Febbraio 2019 00:00

La scorticata che, rirenno, pensa a' morte

Scritto da

Storia dei due fratelli è un componimento egizio del XIII secolo a.C. considerato la più antica favola della letteratura antica. È la storia di due fratelli, Anubi e Bata, uno Re, l’altro suo schiavo, che alla fine degli eventi, vedranno la loro condizione mutarsi, con la salita al trono di Bata.

"Si vive accanto a una donna per anni senza farsi alcuna domanda
su di lei e sul rapporto che si ha con lei, finché un giorno cominci
e non riesci più a smettere”
.



La scena si apre su una stanza (teatrale) delimitata da mura di ferro, una gabbia fatta di pochi elementi: un divano che diventa un letto, bianco, simile a quello che ci si immagina di trovare nello studio di uno psichiatra; una sedia; due grucce esposte alla parete: posto più adatto a una spada da collezione; giornali infilzati in proscenio, con le loro recensioni, e qualcosa di coperto che sta su un tavolino.
Nulla fa presagire che ci si trovi in una stanza di un albergo.

Giovedì, 24 Gennaio 2019 00:00

Il cous cous politico e pop di Carrozzeria Orfeo

Scritto da

Noi, in Italia
L’ISTAT ogni anno pubblica un rapporto per offrire “un quadro d’insieme dei diversi aspetti economici e sociali del nostro Paese, della sua collocazione nel contesto europeo e delle differenze regionali che lo caratterizzano”. Gli indicatori statistici presi in esame sono cento e “spaziano dalla finanza alla cultura, passando dalle condizioni economiche delle famiglie all’ambiente”. Noi Italia s’intitola il rapporto e leggerlo è interessante perché permette di comprendere la complessità di fenomeni altrimenti affidati al solo chiacchiericcio nominale o all'urgenza dettata dalla cronaca; ad esempio: “Le differenze di genere” sono in aumento: la disparità di opportunità e di salario tra uomini e donne provoca “un’asimmetria” subordinativa che, se messa in relazione con i dati relativi alla criminalità – il 37,3% degli omicidi volontari hanno per vittima una donna e nel 73,2% dei casi l’omicida è un partner, un ex partner o un parente –, fa comprendere meglio cosa intendiamo quando parliamo di femminicidio.
Non solo.

Il mito di Edipo re rivive tra scene altamente suggestive in una macchina teatrale impeccabile, precisa come un orologio svizzero, dove si alternano voci, attori, oggetti, giochi di luci che si richiamano a suoni, musiche, rumori, ombre che scorrono sul palcoscenico e corpi mascherati che si muovono in danze evocate dai testi ripetuti in varie lingue. Un complesso trambusto di linguaggi apparentemente caotici si richiamano via via in corrispondenze sempre più precise ed evidenti tra luce suono e corpo, che vanno a delineare quadri unitari molto espressivi.

Martedì, 22 Gennaio 2019 00:00

Recuperando sguardi lasciati in sospeso

Scritto da

A Napoli Teatro Festival ormai finito da mesi, ritorno su visioni accumulate, lasciate in sospeso e in debito, creditrici di uno sguardo già speso e di una analisi dovuta. Nel calderone generale di un Festival che ha messo insieme un cartellone ricco ma disomogeneo, nel quale si è fatto fatica a riscontrare una linea guida che delineasse una vocazione poetica definita a cui potesse essere improntata la rassegna, s’è avuto modo di assistere a spettacoli di fattura differente e di differente valore. Diamo qui riscontro di ciò a cui abbiamo assistito, una visione “postuma” ma non per questo sbiadita o – peggio – scaduta, visto che alcuni di questi spettacoli li vedremo tornare nei cartelloni teatrali della stagione ora in corso.

Lunedì, 14 Gennaio 2019 00:00

Il posto del re

Scritto da

L’Avaro è uno spettacolo aperto, in tutti i modi in cui si può aprire il teatro. La scena è esposta sin da principio agli spettatori che prendono posto in platea: al centro, si staglia il profilo di un teatrino in legno, con colonne vuote e in alto la scritta “théâtre français”, sotto la quale cade un sipario rosso circondato da una collana di lucine gialle. È un teatrino mobile, che nel corso dello spettacolo ruota creando linee d’azione possibili.

Pagina 7 di 92

Sostieni


Facebook