“Duro? No. Sono fragile invece, mi creda. Ed è la certezza della mia fragilità che mi porta a sottrarmi ai legami. Se mi abbandono, se mi lascio catturare, sono perduto”

José Saramago

Lunedì, 01 Giugno 2020 00:00

Pop esteem

Scritto da 

Tutto è alla portata di tutti 
Ma non tutti possono
Pur volendo tutto sentire


E allora via su di corsa
Bla bla bla bla bla bla
A riempire e ingozzare
Che pare salutare
Almeno solo parlare

Arriva a ciascuno il suo
Nella camera ammobiliata
Di un Arlecchino schizzato
Che nasconde col colore
Quel che manco vede

E si muove e commuove
In un girotondo inutile
Pur di andar lontano
Da sé, dagli altri e
Da quel che chiama mondo
Pur di farlo tornar rotondo

E lì dove si ferma e freme
In quel che chiama cuore
Mondo da ogni dolore
Scevro da ogni confessione
Per ciò che anela e piano perita
Ognuno ha quel che si merita

Altro in questa categoria: « Sognando utopie Ovunque tu sia »

Lascia un commento

Sostieni


Facebook