”Restava da chiedersi se davvero le pietre avrebbero resistito, con tutta quell'acqua che scendeva e scendeva in quel quarto giorno esattamente com'era scesa nei tre giorni precedenti e insomma non sembrava proprio che la città avesse intenzione di reagire, soltanto e semplicemente si limitava ad assorbire l'acqua fin quando avesse potuto ma il problema in effetti è proprio questo: fino a che punto si può assorbire l'acqua? Qual è in realtà il nostro limite? In ogni caso accadeva, come se questo problema fosse ancora indistinto e confuso e certamente lontano, perché la rassegnazione si era trasformata in indifferenza“

Nicola Pugliese

Domenica, 04 Dicembre 2016 00:00

4 dicembre

Scritto da 

La Costituzione scritta col sangue
Di chi la guerra la fece

In trincea sugli aerei
E a resister sui monti

Contadini e operai fratelli
Nell’ardente coscienza politica


Intellettuali in azione
Con le suole consunte

Ministri che senza cappotto
S’indebitavano per la rinascita

Con la paura che i fucili
Lasciassero il sudario

Vuole essere riformata
Da chi la guerra la vede in TV

Consumatori lobotomizzati dallo spettacolo
Che sprofondano in una comodità malata

Intellettuali da salotto accecati dai flash
Che vomitano chiacchiere incomprensibili   

Ministri al soldo del capitalismo finanziario
Che si prostituiscono come tossici in astinenza

La vecchia Carta che dal nero
Ha aperto al bianco

Tenuta in vita dall’animo
Di chi l’ha scritta

Giace inerme già da tempo
Per la volontà di chi governa

Stuprata da chi viola i diritti conquistati
E promuove con calcolo nazista

La precarietà in ogni angolo dell’esistenza
E la privatizzazione di beni e servizi

Eppure a un passo dal precipizio
Continuiamo a fissarci l’ombelico

Altro in questa categoria: « Memorandum Io Michelangela »

Lascia un commento

Sostieni


Facebook