“Non c'è niente da insegnare, non si può davvero insegnare altro che se stessi, così come non c'è niente altro da imparare che la singolarità umana, le innumerevoli e sconcertanti possibilità di forma espresse dalla vita"

Emanuele Trevi

Sabato, 25 Aprile 2020 00:00

25 aprile

Scritto da 

O partigiano portati via
Lo sfruttamento e la gerarchia

Né comunismo né capitale
Unica via è l’anarchia


O partigiano fammi tornare
Le braccia a croce a protestare

Ridar la voce a terra e mare
Al grido vivo dell’animale

O partigiano riposa in pace
Se la rivolta di nuovo tace

Coltivo il cuore mi voto al vuoto
E come loto rifrangente ruoto








In copertina: Ombra partigiana, di Anna Maria Saviano

Lascia un commento

Sostieni


Facebook