“Scrivi scrivi / se soffri adopera il tuo dolore: / prendilo in mano, toccalo, / maneggialo come un mattone, / un martello, un chiodo, / una corda, una lama; / un utensile insomma. / Se sei pazzo, come certamente sei, / usa la tua pazzia: i fantasmi che affollano la tua strada / usali come piume per farne materassi; / o come lenzuoli pregiati / per notti d'amore; / o come bandiere di sterminati /reggimenti di bersaglieri”.

Giorgio Manganelli

Sabato, 06 Gennaio 2018 00:00

Natale

Scritto da 

Tra pianti e singhiozzi
Si nasce e si muore

Nel buio del trapasso
La paura ci muove


Senz'altro a guidarci
Che i ricordi e gli istinti

E i blocchi ed i traumi
Che si credevano vinti

Piano si sgretolano
I mondi pulsanti

D'amiciza d'amore
Di gioia e dolore

Di quello che è stato
Ed ancora sarà

Rimane la luce
Che non si estinguerà

Lascia un commento

Sostieni


Facebook