“Sono convinto che, giustamente, una delle funzioni dell'arte sia quella di sospendere almeno per un momento questa paura di morire che abbiamo tutti e che è ciò che in fin dei conti ci rende meravigliosamente umani”

Sergio Blanco

Venerdì, 03 Luglio 2020 00:00

InFLOencer: quelli che voialtri non vedete

Scritto da 

Dietro le quinte del nostro mestiere, esiste una figura importantissima chiamata “road manager”. Lo riconoscete perché sta sempre accanto all’artista, lo accompagna ad un passo dal palcoscenico e se lo va a riprendere, in quinta o sotto le scale, quando il concerto è finito. Se il fonico, il musicista e il luciaio hanno dei compiti ben precisi e delineati, nelle medie produzioni come la nostra, in cui a lavorare non superiamo mai la decina, al road manager spetta tutto il resto.

Deve guidare, controllare l’alloggio, limitare i ritardi e vigilare che l’acqua sul palco non manchi mai. E che non sia gassata per l’amor del cielo!
Gli tocca indagare discretamente sulla cena − “che non gli salti in mente agli organizzatori di farci cenare alle sette, che se mangio prima del concerto si inchiomma il diaframma e canto una schifezza” − e che sia stato avvisato il ristorante che arriviamo tardi e non chiudano la cucina, che dopo il concerto ho sempre una fame da fabbro.
Tuttavia, la cosa più complicata che fa un road è farsi rispettare dai musicisti, dai tecnici e dagli organizzatori, senza mai creare conflitto; fare cioè il poliziotto cattivo al posto dell’artista, in modo da farci arrivare davanti al nostro bel microfono sorridenti e senza nemici.
Bruno e Salvatore, che si alternano nel ruolo di miei adoratissimi road manager, oltre a tutto questo, si devono sorbire pure la mia patetica ansia prima del concerto e la mia adolescenziale adrenalina alla fine.
Vi ho raccontato tutto questo perché in Italia − dove gli addetti ai lavori, del lavoro nostro sanno poco e male; dove l’abitudine alla professionalità è scambiata per divismo; dove il road manager non è che una frivola americanata e non uno che si fa il mazzo come una capanna, per consentire che l’evento che tu stai pagando sia perfetto − andiamo incontro a tempi duri.
Ma quando mai per l’arte e la cultura è stato diverso? Mi viene da dire.
Ci viene richiesto di abbassare un po’ la cresta, di fare un piccolo sacrificio. E quando mai non l’abbiamo fatto? Mi viene da dire, ancora.
Ma non andiamo oltre. Non andate oltre. Non mettete bocca su cosa serve e cosa no; su chi è necessario e chi non lo è; chi non sa, per favore, taccia una buona volta. Sappiate che non lo accettavo prima e meno che mai lo accetto adesso.
Andrà bene un alloggio più distante, un ristorante più modesto e sarà indispensabile elasticità e collaborazione da parte di tutti. Ma devono essere, appunto, tutti.
Non chiedeteci, di lasciare a casa quelli che per voi sono inutili, superflui, solo perché ignorate le loro responsabilità e le loro competenze. Nella musica, nel teatro, in tutti i luoghi dove si consuma una magia, la magia non è mai merito di uno solo e su quel palcoscenico ci mettiamo piede, anche e soprattutto, grazie a quelli che voialtri non vedete.

Lascia un commento

Sostieni


Facebook