“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Martedì, 20 Febbraio 2018 00:00

CReSCo: L'impresa eccezionale è essere normali

Scritto da 

Come altre testate giornalistiche Il Pickwick riceve e pubblica il comunicato di CReSCo (Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea) relativo alla diminuzione del FUS ed è a disposizione per la condivisione di documenti analoghi da parte di altre realtà di rappresentanza dei lavoratori dello spettacolo.

 
Una breve nota, tuttavia, nella condivisione.
 
Il Pickwick sottolinea quanto sia importante la battaglia per il rispetto di parametri economici minimi che diano dignità alla materialità e all'immaterialità del lavoro artistico e quanto sia anche significativo che i tagli del FUS operati al momento (e in attesa di risorse integrative) riguardino gli under 35 (ovvero i soggetti più giovani) e le residenze, cioè quei luoghi di pensiero, di prova, di tempo lento, nei quali è ancora possibile l'errore formativo, l'incertezza compositiva: aspetti fondamentali per la creazione artistica e in controtendenza rispetto all'esercitata iperproduttività ministeriale del fare molto, anche male, per certificare l'impiego del denaro pubblico con la quantità dei titoli in cartellone.
Occorre che il FUS abbia dunque una dotazione maggiore, certo. Ed occorre che l'investimento italiano in cultura si allinei agli standard europei.
E tuttavia.
C'è una battaglia ulteriore da compiere, se volete ancora più alta e difficile, che riguarda non solo "quanti" soldi si possono spendere ma "come" questi soldi vengono spesi. Perché fin quando gli Stabili continueranno ad allestire le proprie stagioni basandosi (non solo ma) soprattutto sullo scambio degli spettacoli (magari firmate dal proprio Direttore), fin quando certi Festival saranno finalizzati solo alla produzione di consenso politico momentaneo, fin quando i Circuiti Regionali insisteranno a non assolvere alle proprie funzioni e a non rispettare le finalità dichiarate nei propri Statuti non ci sarà (eventuale) aumento del FUS che basti, da solo, a migliorare le condizioni di salute del sistema teatrale italiano che invece ha bisogno che al suo centro torni ad esserci il palcoscenico e chi vi lavora e necessita della definizione − nel rispetto delle diversità politiche e poetiche dei soggetti interessati − di una filiera creativa integrata, dotata di una visione comune, che sia seriamente sostenuta negli sforzi che compie, costantemente monitorata nei passaggi intermedi, e rigorosamente valutata negli esiti finali.
Il Pickwick
 

 


DOPO IL RIPARTO DEL FUS: IL SISTEMA DELLO SPETTACOLO DAL VIVO E LA CONFUSIONE

 

Il 16 febbraio la Consulta per lo spettacolo ha approvato il riparto delle aliquote del FUS per l’anno 2018. Presa visione della tabella relativa allo spacchettamento si può constatare che per i diversi comparti il FUS 2018 è sostanzialmente uguale alla previsione della Legge di stabilità 2017, successivamente incrementata con un intervento “una tantum” di 8 milioni di euro: subiscono al momento dei tagli le “Residenze”, gli “under 35”, “i progetti multidisciplinari, i progetti speciali, le azioni di sistema”,  per i quali verranno trovate delle risorse aggiuntive. Va dato atto al Ministro Franceschini di aver riallineato il FUS 2018 al livello del primo riparto del gennaio 2017 (quasi 334 milioni di euro) recuperando circa 9 milioni di euro rispetto al desolante quadro di un mese fa. Nonostante ciò, ad oggi risultano circa 7,7 milioni in meno.
Siamo consapevoli che, rispetto alla preoccupazione espressa da più parti lo scorso mese, il Ministro si è impegnato a trovare delle risorse integrative, eppure tante sono le domande che il comparto si sta ponendo e di cui CReSCo, coerentemente con la propria vocazione e identità, si fa interprete.
Abbiamo più volte lodato l’approvazione di una legge dello spettacolo da vivo che finalmente, dopo 71 anni, ha posto le basi per l’approvazione del Codice dello Spettacolo, attraverso le deleghe al Governo. Ripartiamo da qui.

 

LA LEGGE
In particolare all’art. 4 della Legge n. 175 si prevede un aumento del FUS pari a 9,5 milioni. Dobbiamo constatare che, ad oggi, questo aumento non c’è, o meglio ancora, che NON incrementa il FUS dell’intero sistema dello spettacolo dal vivo, essendo stato destinato ai carnevali (2 milioni) e a specifici soggetti (6 milioni) che saranno beneficiari nel 2018 di un doppio finanziamento a valere sul FUS.
Confessiamo una certa apprensione dovuta alla prima applicazione della Legge, che potrebbe comportare un precedente per gli anni a venire, distante dalle premesse accolte con entusiasmo dai lavoratori dello spettacolo dal vivo.
Siamo certi che risorse straordinarie saranno integrate; quel che ammettiamo di non comprendere è la ratio per cui si finanziano con il FUS i carnevali o 2 specifiche imprese private, mentre ci si impegna a finanziare le Residenze a valere su altri capitoli di bilancio. Riteniamo che sarebbe stato più comprensibile il contrario, soprattutto nella misura in cui gran parte delle Regioni italiane sono sul punto di emanare un bando che, come prevede l’art. 43, risponde a un finanziamento congiunto Stato-Regioni.

 

I TEMPI
CReSCo chiede tempi certi e risposte chiare al Ministro, al fine di dissipare la preoccupazione e l’incertezza che si sta diffondendo in maniera orizzontale e trasversale tra i soggetti dello spettacolo dal vivo. Apprendiamo che le istanze pervenute per il triennio 2018/20 sono inferiori (1317) rispetto alla precedente triennalità (1344): dobbiamo, per amor di verità, portare alla luce il timore che, come nello scorso triennio, i soggetti più esposti al rischio di “stare fermi un altro giro”, siano proprio le nuove istanze, a discapito di un dinamismo del sistema tanto auspicato dalla Legge e dagli obiettivi strategici del DM previsti dall’art. 2.

 

LA CONSULTA
Apprendiamo che la Consulta, su proposta del Presidente dell’Agis Carlo Fontana e condivisa dal Ministro, ha approvato un ordine del giorno che raccomanda al Parlamento di evitare gli interventi singoli e specifici a soggetti percettori di FUS, riconducendo tutte le risorse al FUS. Ci chiediamo, in totale franchezza, se davvero abbiamo ancora voglia di considerare straordinario ciò che dovrebbe essere la norma.

 

L’IMPRESA ECCEZIONALE è ESSERE NORMALE
Prendiamo a prestito un verso di una canzone di Lucio Dalla per lanciare un invito all’intero sistema dello spettacolo dal vivo. CReSCo ritiene che dovremmo essere in grado di non ricorrere più a misure straordinarie frutto della buona volontà personale della parte politica, ma dovremmo trattare il comparto con la stessa attenzione che si presta a tutti i lavoratori, al fine di garantire una crescita reale e un sistema dello spettacolo dal vivo sano e normale, oltre che normato.
Rappresentiamo certo un sistema complesso, anomalo, contrassegnato da diversità e differenze, ma operiamo tutti per la crescita del patrimonio materiale e immateriale della grande comunità di questo Paese, meritiamo forse un maggiore controllo e una verifica dei finanziamenti più puntuale.
L’invito di CReSCo è riportare lo stato delle imprese a una normalità degna di un Paese che è simbolo in tutto il mondo di cultura e bellezza. Proteggiamo l’immensa meraviglia che siamo in grado di esprimere, a tutti i livelli, politici e poetici.

Lascia un commento

Sostieni


Facebook