“E quando pensate di tornare? dissi io. Loro si strinsero nelle spalle. Chi lo sa, María, dissero. Non li avevo mai visti così belli. Li avrei baciati tutti e due, e non so perché non lo feci, sarei andata a letto con tutti e due, a scopare fino a perdere i sensi, e poi a guardarli dormire e poi di nuovo a scopare, ci pensai davvero, se cercassimo un albergo, se ci chiudessimo in una stanza buia, senza limiti di tempo, se io li spoglio e loro spogliano me, tutto si sistemerà, la pazzia di mio padre, l’automobile perduta, la tristezza e l’energia che provavo e che di momento in momento sembravano asfissiarmi. Ma non dissi niente”

Roberto Bolaño

Martedì, 25 Febbraio 2020 00:00

Rileggendo “La peste” di Camus

Pubblicato in Letteratura
Domenica, 12 Novembre 2017 00:00

Ogni mattina

Venerdì, 20 Ottobre 2017 00:00

L'imperfezione delle cose finite

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 30 Agosto 2017 00:00

Aux armes, écrivains!

Pubblicato in Letteratura
Martedì, 23 Maggio 2017 00:00

La mia Patria, lì dove l'erba trema

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 29 Marzo 2017 00:00

"Scannasurice", sotto il segno di Dioniso

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 12 Giugno 2015 00:00

Prometeo o della Libertà

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 23 Gennaio 2015 00:00

La peste come metafora

Pubblicato in Letteratura
Giovedì, 27 Novembre 2014 00:00

Per una scrittura dell'esilio

Pubblicato in Espressioni
Giovedì, 07 Agosto 2014 00:00

Il calcio secondo Rasmus Elm

Pubblicato in Letteratura
Pagina 1 di 2

Sostieni


Facebook