“se ne restò a guardare, che stupido, Dio mio, che stupido”

Nicola Pugliese

Letteratura

Letteratura La bottega dei libri

«Narravano che la più misteriosa tra le botteghe fosse la bottega dei libri: da essa pare venisse un diabolico miscuglio di trame e vicende che contagiava i passanti più frettolosi tramutandoli in lettori accaniti».

L’olmo caduto, antologia pubblicata dalle edizioni Medusa, raccoglie una sessantina di poesie di John Clare tratte da sette diverse raccolte, uscite tra il 1820 e il 1864.

Giovedì, 02 Settembre 2021 00:00

L’età femminile nella cultura mediale italiana

Scritto da

Basta navigare sul web o sfogliare qualche rivista che dichiara genericamente di occuparsi di “costume” e di “attualità”, ma che nei fatti riconduce i due ambiti praticamente al solo mondo dello spettacolo audiovisivo e quasi nei soli suoi aspetti gossip, per rendersi conto dell’insistenza con cui viene esplicitata l’età delle celebrità femminili.

Martedì, 31 Agosto 2021 00:00

Tito Pioli e la caustica difesa dell’idioma

Scritto da

Un romanzo coraggioso, dalla fantasia ica(u)stica, si spinge avanti in un futuro non lontano, per descrivere un’Italia allo sbando: infatti la nostra Penisola, in preda ad un’invasione economica “sferrata” dalla Cina, si crogiola suina in un’ignoranza dilagante che, pur vergognosa, è ormai assurta nella vita di tutti (giovani e adulti) a simbolo d’appartenenza nazionale e, dunque, a motivo d’orgoglio collettivo.

Venerdì, 09 Luglio 2021 00:00

La short story secondo Katherine Mansfield

Scritto da

Contemporanea e amica di David Herbert Lawrence e Virginia Woolf, Katherine Mansfield è una nota autrice di racconti. Nasce in Nuova Zelanda, realtà coloniale che fotografa suggestivamente in testi come Millie e The Woman at the Store, entrambi datati 1911.

Giovedì, 24 Giugno 2021 00:00

Positano racconta... ancora...

Scritto da

Il forte vento nella piazza della Chiesa Nuova sembra sparpagliarci e mescolarci tutti. Il terzo giorno del Positano Racconta comincia in questo modo. Il mare c'è sempre, solo è più distante. La piccola piazza è allestita in modo essenziale. Tra i presenti c’è chi cerca un riparo appena le folate di vento si fanno più intense. Chi ha i capelli lunghi deve tenerli fermi con una mano, molti iniziano ad indossare giacche sui loro abiti leggeri, qualcuno si rifugia di tanto in tanto in chiesa per riscaldarsi.

Sabato, 19 Giugno 2021 00:00

Positano racconta...

Scritto da

Quando dico che lavoro a Positano, che ci abito molti mesi all’anno, la prima parola che mi rispondono le persone è “bello”. Positano è bella, qualunque sia il punto che si sceglie per osservarla. Che sia dall’alto della Garitta o che lo sguardo parta dal basso della Spiaggia Grande, che si scelga di guardarla dal lato di Liparlati, gettarle uno sguardo da lontano partendo da Praiano o che la si voglia ammirare dal mare, Positano è sempre bella.

Il conte Alessandro, meglio conosciuto come Cagliostro, incarcerato dall’Inquisizione a San Leo fino alla morte nel 1795, è uno di quei personaggi in grado di suscitare interesse e speculazioni in qualsiasi epoca. La biografia incerta, il rapporto con l’esoterismo e l’alchimismo del XVIII secolo, hanno suscitato la curiosità di scrittori e lettori sia per il fascino per l’occulto, sia per la costante critica alla modernità positivista. In questo senso, quindi, non poteva mancarne una rappresentazione nella cultura latinoamericana dell’inizio del Novecento.

Lunedì, 10 Maggio 2021 00:00

Domenico Scarlatti, un jazzista del Settecento

Scritto da

Esiste una storia della musica che è fatta di piccole consapevolezze condivise intorno alla vita di alcuni geni musicali e al loro rapporto con la società, i committenti o, in ultima analisi, con il potere. Magari si tratta di versioni un po’ snellite dalla forza della sintesi; luoghi comuni, certo, che tuttavia non sono lontani dalla realtà.

Martedì, 13 Aprile 2021 00:00

Le infinite varianti delle storie

Scritto da

L’editore Crocetti ha da poco ripubblicato, in collaborazione con Feltrinelli, un volume di versi di Daniele Piccini uscito per la prima volta nel 2013, con successo di pubblico e di critica: Inizio fine. Piccini (Città di Castello, 1972), docente universitario, critico letterario, filologo e poeta, è autore di varie raccolte di versi. Collabora con Famiglia cristiana e con la rivista Poesia.

Giovedì, 08 Aprile 2021 00:00

Paul-Jean Toulet, il mal(inteso)

Scritto da

La parabola artistica di Paul-Jean Toulet è posta nel segno della lontananza e di un malinteso. Cresciuto con la famiglia nell’isola Maurice, in un paesaggio rutilante di stimoli visionari di cruda nettezza la cui natura straniera di terra cinta dal mare ha partorito quel carattere del poeta irrequieto e cinico, ebbe il proprio tirocinio lontano dalle scuole francesi e dalla precoce vocazione alla produzione culturale dei molti letterati di Parigi.

Martedì, 06 Aprile 2021 00:00

(Ri)educhiamoci ai sentimenti

Scritto da

Avvertenza: se fare i conti con la realtà vi provoca agitazione, non leggete questo articolo. E non leggete Nuovissimo Testamento di Giulio Cavalli.

Martedì, 30 Marzo 2021 00:00

Mitografie del silenzio

Scritto da

L’apparenza dinamica si esibisce nel modo di un cerchio cavo, i cui margini riproducono la condizione periodica del torpore e della veglia: in esso risiede lo stadio nucleico dell’esperienza, il silenzio. Quiete asintetica e paradigma fondativo del locus psichico − regione occlusa e perturbata – contro i non-luoghi1 dello spazio e del tempo. L’individuo si inganna al vuoto e alla parvenza: lo scheletro perimetrale che lo contiene, con la sequenza  interminata delle sue ridicole gesta, piuttosto che l’azione compie l’inganno.

Giovedì, 18 Marzo 2021 00:00

Tra logica e morale. A partire da un funerale

Scritto da

Non capirò mai perché, ai funerali, cercano sempre di farci credere che c’è una vita dopo la morte e che il defunto, da vivo, non aveva difetti. Se esistesse davvero un Dio misericordioso, sarebbe lecito domandarsi in virtù di quale capriccio ci lasci ad aspettare per decenni in questa valle di lacrime prima di concederci la vita eterna; e se davvero gli uomini si comportassero in modo così virtuoso come ci viene detto a posteriori, allora l’umanità non conoscerebbe né le guerre né le ingiustizie che affliggono gli animi sensibili.

Lunedì, 15 Marzo 2021 00:00

Il teatro lunare di Vicente Huidobro

Scritto da

Tra i bersagli della furia iconoclasta di Roberto Bolaño un posto d’onore spetta ai poeti centrali del canone latinoamericano e, in particolare, i patriarchi delle letterature nazionali a cui era maggiormente legato, ovvero quelle cilena e messicana. Nel primo caso, il padre contro cui scagliare la propria furia (rinnovatrice) era, nella maggior parte dei casi, Pablo Neruda.

Lunedì, 08 Marzo 2021 00:00

Hölderlin, il folle

Scritto da

L’ultimo libro di Giorgio Agamben, La follia di Hölderlin. Cronaca di una vita abitante (1806-1843), ricostruisce in forma letteraria la vicenda biografica del poeta tedesco Friedrich Hölderlin (nato a Lauffen am Neckar nel 1770 e morto a Tubinga nel 1843), la cui esistenza fu divisa esattamente in due metà: i primi trentasei anni trascorsi nella normalità dei rapporti con il mondo, e i successivi trentasei anni segregati a Tubinga in casa di un falegname, in preda alla follia che lo portò a rifiutare qualsiasi relazione con gli eventi esterni.

Pagina 1 di 26

Sostieni


Facebook