“La vita come deve si perpetua, dirama in mille rivoli. La madre spezza il pane tra i piccoli, alimenta il fuoco; la giornata scorre piena o uggiosa, arriva un forestiero, parte, cade neve, rischiara o un’acquerugiola di fine inverno soffoca le tinte, impregna scarpe e abiti, fa notte. È poco, d’altro non vi sono segni”

Mario Luzi

Federico Mattioni

Gelati e tipi di gelati

“È il miglior gelato del quartiere”, dicevano dai balconi dell’intero perimetro dell’isolato. Il miglior gelato, il migliore, gridavano in coro. Spinto da cotanta spinta pubblicitaria, mi accinsi a recarmi nella migliore gelateria della zona. Così dicevano i bontemponi.

Romanzo e racconto, tra distinzioni e risonanze

Se è vero che il romanzo è un genere letterario che si diffonde nell’Ottocento e si identifica con la cultura di allora, il racconto se ne discosta, eludendo il tentativo di uniformarsi alla cattura della storia o al suo tentativo. Il romanzo, in questo senso, è una disposizione di carattere borghese, nella quale si tenta, con un’adeguata corposità, di definire i tratti di una nazione, di un popolo, di una dinastia, una famiglia, oppure di un’eroina oppressa dal sistema patriarcale, attraverso il quale raggiungere le alte sfere, nel tentativo di tratteggiarne le peculiarità.

“Skinty Fia”: la maturità compositiva dei Fontaines D.C.

Il terzo album è generalmente quello della prova della maturità compositiva. Il puntello da suggellare tutte i tentativi di successo. La prova decisiva di una band che nel panorama del rock internazionale ha iniziato a contare sin dal folgorante esordio avvenuto con il travolgente Dogrel, dell’anno 2019.

Guida pratica al mondo-cinema di David Lynch

Lo stratificato e denso universo onirico di David Lynch ha un suo nucleo centrale cristallizzato nell’etere: Twin Peaks. Quel luogo divorato dall’interno di una dimensione, qual è la Black Lodge, nei boschi di un Paese immaginario del Nord Ovest degli Stati Uniti, ha inglobato tutto, facendo sì che i film del regista del Missoula, fossero un unico corpus vivente, infinitamente pulsante.

I morti erano morti

I morti non barcollavano più per le strade. Penzolavano dagli spessi rami delle querce di Sam Town. Appesi come moscerini dal peso incontrovertibile. Pieni ne erano gli angoli delle strade dei quartieri più bassi. Nel quartiere un tempo più popoloso, la gente non usciva più per via del tanfo insopprimibile che tendeva a incatramarsi sull’asfalto. Da una certa distanza parevano decorazioni per Halloween ma quelli erano dei maledetti cadaveri in putrefazione da settimane! E in quel quartiere c’era più poco da mostrare, probabilmente niente più gente da far uscire.

Placebo: un rigenerante ritorno

Sono trascorsi nove anni dall’ultimo album in studio Loud Like Love. Brian Molko e compagnia aitante, ora composta in pianta stabile solo dal frontman e da Stefan Olsdal. Nell’approcciare a Never Let Me Go, inizialmente sono partiti da un’immagine, quella della copertina dell’album, per poi andare a fondo di una prassi di scrittura più immediata e aggressiva, a giudicare dall’insieme dei pezzi, tutti piuttosto tirati e potenziali hits radiofoniche.

“Labyrinthitis”: il piacevole spaesamento di Destroyer

Registrato da Dan Bejar (in arte Destroyer) prevalentemente nel 2020 durante il periodo di lockdown, con il fidato collaboratore John Collins, questo suggello di venticinque anni di carriera trasporta l’ascoltatore dentro quei ritmi da disco che avevamo in parte già sentito in Ken del 2017, di tanto in tanto spruzzati da quell’inconfondibile sassofono che accompagna da sempre le produzioni del pregevole cantautore canadese.

Bresson e il rigore del cinematografo

Il pubblico non sa quello che vuole, imponigli le tue volontà, le tue voluttà.
 Girare vuol dire andare a un incontro, nel quale niente dell’inatteso non può essere segretamente atteso da te.
 Bisogna che i rumori diventino musica”
.

  

Al cospetto di queste considerazioni sul cinematografo, come amava chiamarlo Robert Bresson, poeta maestro, risiede l’essenzialità del messaggio poetico che il suo autore ha imbevuto di arte, in film che sono figli di una gavetta suddivisa tra aspirazioni nella pittura e percorsi nella fotografia. Secondo Bresson, se un film è una mera rappresentazione filmata, il cinematografo è il tentativo di creare un nuovo linguaggio di immagini e suoni attraverso l’arte del montaggio.

Fazzoletti

Litigavano da due ore, in automobile, sotto la pioggia battente, respirando polvere d’interni. Litigavano in maniera accesa e nel mentre lei chiedeva fazzoletti. Dove sono i miei fazzoletti, urlava, nel tentativo di spostare l’argomento della conversazione sul bisogno di asciugarsi, lacrime, sudore, muco. Non ne poteva più.

King Hannah: l'abbraccio rock di emozioni contrastanti

Loro sono Hannah Merrick, gallese, e Craig Whittle, inglese. Membri principali, anime pulsanti di quella band che prende il nome di King Hannah. Per questo esordio crede in loro l’etichetta City Clang (fra gli altri, Tindersticks e Calexico) e l’incontro fra i due soggetti in questione, non è un caso che avvenga all’interno di un bar dove lei lavorava.

Pagina 1 di 2

Sostieni


Facebook