”Restava da chiedersi se davvero le pietre avrebbero resistito, con tutta quell'acqua che scendeva e scendeva in quel quarto giorno esattamente com'era scesa nei tre giorni precedenti e insomma non sembrava proprio che la città avesse intenzione di reagire, soltanto e semplicemente si limitava ad assorbire l'acqua fin quando avesse potuto ma il problema in effetti è proprio questo: fino a che punto si può assorbire l'acqua? Qual è in realtà il nostro limite? In ogni caso accadeva, come se questo problema fosse ancora indistinto e confuso e certamente lontano, perché la rassegnazione si era trasformata in indifferenza“

Nicola Pugliese

Giovedì, 25 Luglio 2019 00:00

L’epoca del “gez”. Jazz e fascismo

Pubblicato in Musica
Giovedì, 11 Luglio 2019 00:00

Musica è...

Pubblicato in Musica
Domenica, 02 Agosto 2015 00:00

La Lady del Blues

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 04 Marzo 2015 00:00

Disposto a tutto, quasi

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 31 Dicembre 2014 00:00

Due Maurice per un Bolero

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 30 Luglio 2014 00:00

Relativamente jazz

Pubblicato in Musica
Lunedì, 19 Maggio 2014 00:00

Stasera si cena al Teatro Sannazaro

Pubblicato in Teatro
Pagina 1 di 2

Sostieni


Facebook