“Come tutti gli uruguagi, avrei voluto essere un calciatore. Giocavo benissimo, ero un fenomeno, ma soltanto di notte mentre dormivo; durante il giorno ero il peggior scarpone che fosse comparso nei campetti del mio paese”

Eduardo Galeano

Alida Airaghi

Il faro

− Il 234?
− Già. Per fortuna è un numero facile da ricordare. 2.3.4. In progressione. E di buon auspicio. La somma fa 9: numero perfetto, secondo i Pitagorici.
− Allora, vedrai che ci porterà fortuna.

Un genio ribelle e sfortunato

“Questa è la storia di Évariste Galois, genio della matematica che morì in duello a vent’anni”. Così, in una scarna frasetta, lo scrittore francese François-Henri Désérable condensa nel Prologo la vita del protagonista del suo libro, biografia romanzata di un personaggio storico e leggendario insieme. Cos’altro si potrebbe dire, infatti di un’esistenza racchiusa nel breve scorcio di due date: 1811-1832?

Riscattare Scampia

L’orrore e la bellezza è il titolo che Davide Cerullo ha voluto dare al suo ultimo libro, storia della sua vita e del luogo in cui è nato e cresciuto: Scampia.
L’orrore è quello conosciuto dalla nascita, in un ambiente violento e degradato che l’ha tragicamente condizionato, costringendolo a scelte sbagliate, allo spaccio e poi al carcere; la bellezza (“un altrove possibile”) è stata determinata invece dalla sua rinascita esistenziale e culturale, ostinatamente perseguita, fino al raggiungimento del ruolo oggi riconosciutogli di scrittore, educatore, fotografo.

Sole, indomite, avventurose

Anche questo nuovo volume illustrato di Chiara Frugoni, Donne medievali, si distingue come gli ultimi pubblicati da Il Mulino (Vivere nel Medioevo, Uomini e animali nel Medioevo, Paradiso vista Inferno, Paure medievali) per vivacità e chiarezza espositiva, accurata indagine delle fonti, ricchezza di informazioni critiche e bibliografiche, eleganza iconografica.

Omaggio a Roberto Vecchioni

I
Intorno a noi, addosso a noi,
la nebbia milanese
copriva i baci
bagnava le carezze.
Ci nascondeva,
ed era tutto grigio, erba
e sera.
Tu c’eri, mia fantasia
cattiva? Davvero ci sei stato
(quell’anno su quel prato, in quella
appena nata e fredda primavera)?
Se c’eri, tornami indietro,
così trascorso ieri: portami via.



II
Ho visto tutto e non so niente,
a malapena ricordo il mio nome
(il tuo non l’ho dimenticato. Mai).
Tra tanta gente sparviera
‒ uccelli di rapina –
mi chiedo come ho potuto
resistere, assediata con te
da questa sporca, vecchia
borghesia.
Non ci sono riusciti, anima mia,
ad annientarmi, anche se
il freddo della sera
gela più di uno sputo.
Dai, che sta per finire
questa porca cancrena,
e manca poco
alla mattina.





Queste due poesie sono un omaggio a Roberto Vecchioni, e citano versi tratti da Luci a San Siro, Arthur Rimbaud.
(In Rime e varianti per i miei musicanti, Marco Saya Edizioni, Milano 2020)

Il poco e il molto che siamo

Nella quarta di copertina, vengono così presentate le poesie comprese in questa raccolta einaudiana, purtroppo postuma, di Francesco Scarabicchi (Ancona 1951-2021), intitolata La figlia che non piange: “Il lirismo sommesso ed essenziale tipico del poeta marchigiano è qui al servizio di un libro testamentario in cui il poeta fa pacatamente i conti con la fine della vita, avvertita ormai come imminente.

L’appartamento

Le pareti

Di quale altro colore,
che non si perda l’essenziale che sono
– lisce, senza bisogno di niente?

John Clare, poeta contadino nell’Inghilterra dell’800

L’olmo caduto, antologia pubblicata dalle edizioni Medusa, raccoglie una sessantina di poesie di John Clare tratte da sette diverse raccolte, uscite tra il 1820 e il 1864.

La marmellata di prugne

Mio fratello Claudio già da piccolo amava la marmellata di prugne.
L’aveva assaggiata per la prima volta a cinque anni, quando la nonna ci aveva portato in visita da una sua cugina, grinzosa e vestita di nero, che con il vocione virile e catarroso delle vecchie fumatrici, gli aveva proposto: “E tu, piccolino, la vuoi assaggiare una mia prelibatezza?”

Le infinite varianti delle storie

L’editore Crocetti ha da poco ripubblicato, in collaborazione con Feltrinelli, un volume di versi di Daniele Piccini uscito per la prima volta nel 2013, con successo di pubblico e di critica: Inizio fine. Piccini (Città di Castello, 1972), docente universitario, critico letterario, filologo e poeta, è autore di varie raccolte di versi. Collabora con Famiglia cristiana e con la rivista Poesia.

Pagina 1 di 12

Sostieni


Facebook