“Čechov ha introdotto nei suoi racconti milioni di persone di tutte le classi, ceti, età, da vero democratico, lo capite? Da vero democratico! Nessuno, neanche Tolstoj, ha detto con tanta chiarezza: noi tutti, prima di ogni altra cosa, siamo uomini, capite? Uomini, uomini, uomini. Solo in un secondo tempo siamo vescovi, bottegai, possidenti, operai. Gli uomini sono buoni o cattivi non in quanto vescovi o operai, ma in quanto uomini”

Vasilij Grossman

Venerdì, 20 Marzo 2020 00:00

L’inverno del loro scontento

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 09 Maggio 2018 00:00

Impressioni sparse sul “Macbettu”

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 03 Febbraio 2017 00:00

Spettralità eteree

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 25 Novembre 2016 00:00

Un "Macbeth" tra luci ed ombre

Pubblicato in Teatro
Domenica, 24 Luglio 2016 00:00

Macbeth e il sangue del Congo

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 18 Settembre 2015 00:00

Libertella e la memoria sepolta

Pubblicato in Letteratura
Martedì, 19 Maggio 2015 00:00

Il (lento) Sogno di Stein

Pubblicato in Teatro

Sostieni


Facebook