“Che diamine, se sapessi chi è Godot non credete che l'avrei detto nell'opera?”

Samuel Beckett (ai critici)

Simona Perrella

Un flusso di relazioni, nella dinamica del tempo

Set of Sets della Compagnia GN|MC (Guy Nader y Maria Campos) è andato in scena all’Auditorium Parco della Musica di Roma all’interno del programma della danza del Romaeuropa Festival.

La danza dell’amore di Emanuel Gat coi Tears for Fears

Il pubblico del Teatro Argentina, in occasione del Romaeuropa Festival 2021, ha danzato sulle note dei Tears for Fears insieme ai meravigliosi corpi dei danzatori della Compagnia del coreografo israeliano Emanuel Gat nella creazione dal titolo LoveTrain2020.

La ricerca lirica e illuminata delle origini dell’umano

È possibile il lirismo poetico e pittorico nel teatro contemporaneo pandemico?

Evocare Pina

Evocare la vita di Pina Bausch significa sentire odore di vino, puzza di sigarette, poche parole, un corpo parlante in ogni poro, una mente creativamente infaticabile. Giuseppe Sollazzo mette in scena un omaggio alla straordinaria artista tedesca in uno dei magnifici palchi montati dal Campania Festival nel bellissimo Real Bosco di Capodimonte di Napoli. Una sera ascoltando un vecchio tango mi sono addormentato e ho sognato Pina Bausch è l’evocazione della vita di Pina attraverso i sogni di un regista.

Su questa triplice danza di donne

Nell’ambito del programma Estate a Napoli 2019, organizzato col sostegno del Comune di Napoli, il bellissimo chiostro del Convento della chiesa di San Domenico Maggiore è diventato lo scenario di tre coreografie presentate dal Consorzio Coreografi Danza D’Autore, realtà toscana che − grazie all’impegno di Flavia Bucciero (MovimentoinActor) e Francesca Selva (Compagnia Francesca Selva) − propone spettacoli di danza e teatro fisico rivolti a tutte le età e dedicati a tematiche socio-antropologiche, nella fede del potere catartico e (in)formativo dell’arte della coreografia.

Un corollario di metamorfosi, ma la catarsi dov’è?

Michalis Theophanous porta in scena al Napoli Teatro Festival Italia Tiresias..., un lavoro coreografico ispirato alla figura del mitologico indovino della tradizione classica.

Omelia dell'andare

Quest’anno tante prime nazionali per la danza estera nel cartellone del Napoli Teatro Festival Italia ma c’è spazio anche per la danza italiana. Due giovani coreografi e danzatori con base tra la Sardegna e Londra, Igor Urzelai e Moreno Solinas, molto apprezzati nel panorama della coreografia d’autore europea, hanno presentato al Teatro Nuovo un lavoro chiamato Andante, col titolo preso in prestito da una nomenclatura tecnica del linguaggio della musica e che si riferisce all’esecuzione di un tempo dalla durata lenta, fluida e continuata.

Può un Eschimese vivere in Amazzonia?

La Compagnia The Baby Walk approda al Piccolo Bellini di Napoli con lo spettacolo vincitore del Premio Scenario 2017: mi riferisco ad Un eschimese in Amazzonia, terzo capitolo del progetto “Trilogia sull’identità”. Lo spettacolo, sostenuto e prodotto dalla stessa compagnia e dagli organismi di produzione e residenze della regione Umbria, è una genuina critica alle troppe e inutili classificazioni e categorizzazioni che sono àncore e saldi parametri di conoscenza, identificazione e relazione costruiti dalla società e, in particolare, Un eschimese in Amazzonia si focalizza sulla questione del transgenderismo.

Virtuosismi spiritosi, virtuosismi spirituali

Cosa fa di una creazione artistica una creazione che, pur in un linguaggio apparentemente semplicissimo, riesce ad indagare i nodi profondi dell’essere umano?
Credo che il fattore principale sia il dialogo tra ideatore (coreografo, regista) e interprete (attore, danzatore, performer), un dialogo che, dalla ricerca di gesti semplici e spontanei, costruisca una ricca ed intensa “tela spettacolare” fatta di ritmo, respiro, solarità, agio, interazione con il pubblico e soprattutto grazia e ilarità, insieme alla costante attenzione a lasciare fluire, spesso in sottofondo ma spesso anche in superficie, riflessioni, domande ed immagini.

Il viaggio dell'unicorno

Nella sala destinata un tempo all'operazione di spellamento dei suini, la pelanda, all'interno del grande complesso del Mattatoio, situato nel quartiere romano Testaccio, non lontano dalla famosa piramide, oggi, si fa e si vede teatro, musica ed arte.
Il complesso è molto grande, composto di vari edifici, con un altrettanto grande spazio esterno, in cui di tanto in tanto  si incappa in residui di aggeggi che furono utilizzati per le operazioni di preparazione degli animali a diventare carne commestibile (ganci, gabbie, macchinari vari).

Pagina 1 di 11

Sostieni


Facebook