“La memoria è una forma di coraggio”

Jean Vilar

Paolo Leardi

Esami e verifiche

Al centro della mia attività cogitativa, un fastidioso ronzio circonda echi e rimbombi di confusione. Magari nelle nostre vene al posto del sangue scorresse alcool, almeno potremmo staccare la spina dai ricordi in qualunque momento.

Quello che siamo

Quando me ne accorgo è troppo tardi, il piccolo ciclone d’acqua ha già trasportato via il braccialetto portafortuna che avevo al polso destro. Ormai era lacero, non che si potesse riparare, ma mi avrebbe fatto piacere conservarlo. Sono passati due lunghi anni da quando diedi pochi spiccioli a un ambulante e lui, per riconoscenza, mi regalò uno spago di stoffa con tutti i colori su uno sfondo verde. Grazie a quello, disse, non avrei perso le speranze, ma erano loro che da un pezzo avevano perso di vista me. Mi ero abituato a vedere quel sottile filo di smeraldo al braccio, in un certo senso è vissuto con me più tempo rispetto a molte altre persone, e quando l’ho visto fuggire via in doccia, ho capito che il nostro destino è di perdere prima o poi tutto quello che abbiamo ad un palmo di naso.

Sostieni


Facebook