“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Sabato, 06 Gennaio 2018 00:00

Natale

Giovedì, 20 Luglio 2017 00:00

Il passato che precipita nel presente

Pubblicato in Teatro
Domenica, 21 Giugno 2015 00:00

"Non dimenticateci!"

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 22 Gennaio 2015 00:00

Forse

Lunedì, 06 Ottobre 2014 00:00

Sette giorni con Eugenio Barba

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 26 Giugno 2014 00:00

Parise e i luoghi della memoria

Pubblicato in Letteratura
Lunedì, 13 Gennaio 2014 00:00

Dove abitano i ricordi?

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 17 Ottobre 2013 02:00

Il Mediterraneo, padre e madre

Pubblicato in Teatro
Pagina 1 di 3

Sostieni


Facebook