"Era ancora il tempo degli artisti, nel senso che questa parola poteva avere nel lento crepuscolo del Novecento, quando un poeta, un pittore, un regista erano esseri umani investiti da una vocazione, e la loro vita non era un pettegolezzo, una delle tante variabili mercantili della celebrità, un'attraente carriera mondana, ma una storia vissuta ai limiti dell'umano, spremuta fino all'ultima goccia"

Emanuele Trevi

Teatro

Teatro La ribalta di legno

«Le quinte di stoffa con le porte in rilievo, le finestre di vetro dipinto, i vasi coi fiori di carta. In alto una lampada faceva da giorno mentre la notte veniva con la parola “notte”. In terra, una botola, dalla ribalta portava sul retro, dov’erano pronti gli attori».

Domenica, 03 Novembre 2013 01:00

Irrealtà e straniamento

Scritto da

La premessa è che, per Interno familiare di Anna Maria Ortese, valga il principio di irrealtà ovvero che tutto ciò che è scritto nel racconto non risponda alla volontà di fare ritratto, scorcio, tranche de vie ma a quella di rendere fiaba, favola, invenzione effimera, immagine passante ed amara, corrusca, eccessiva.

Venerdì, 01 Novembre 2013 01:00

Natività maradoniana

Scritto da

29 ottobre: vigilia di Natale. No, non abbiamo per le mani un calendario impazzito… È che stiamo celebrando la nostra religione, l’unica a cui riconosciamo legittima Rivelazione e che principiò il 30 di ottobre del 1960 in un barrio di Buenos Aires chiamato Villa Fiorito. Lì, quel giorno, nasceva l’incarnazione magica e divina di Colui che sarebbe diventato di lì a qualche anno, la cosa più vicina alla trascendenza che ci fosse dato di vedere coi nostri occhi: Diego Armando Maradona.

Giovedì, 31 Ottobre 2013 01:00

La città che i bambini vorrebbero

Scritto da

La voce che andrà in scena Il magico pifferaio de I Teatrini conduce all’Orto Botanico molti bambini con parenti al seguito. Prima di entrare ad ognuno è dato un foglietto. In basso c’è il disegno del pifferaio seguito dai topi, in alto una frase da completare: “Nella mia città ideale vorrei …”.  Ho seguito molti spettacoli de I Teatrini all’Orto Botanico e, per la prima volta, oltre a correre, saltellare e raccogliere le foglie cadute in attesa che inizi lo spettacolo, i bambini si sono seduti con gli adulti e hanno compilato insieme il foglio. Di spazio ce n’è abbastanza per scrivere più di un desiderio. Come spiegato all’ingresso, i bambini se li infilano in tasca e si parte.

Giovedì, 31 Ottobre 2013 01:00

Un altro Eduardo. Finalmente

Scritto da

Perché non si possono toccare i testi di Eduardo? Perché
si ha paura di giocare con le sue parole? Perché gli
interrogativi eduardiani, che appartengono a tutti, devono
dormire nelle poltrone ronfanti degli "abbonati" teatrali?

(dal programma di sala di Natale in Casa Babbaluck,
Compagnia Babbaluck, Festival di Santarcangelo, 2000)

 


Finalmente. Finalmente libero dalle riproposizioni veriste, che ne fanno uno scorcio di vicolo. Finalmente non più ridotto ad emblema di una Napoli misera ma carnale, nera tra lampi d’ironia e di calore. Finalmente altro dal commento comune “come a casa mia, era proprio così, un tempo, mio padre, mia madre, mio fratello: succedevano le stesse cose”. Finalmente privo dell’accatasto mobiliare; finalmente scevro dalle scimmiottature della versione televisiva; finalmente senza un attore-protagonista che cerchi di somigliare per forza, scavandosi le guance a digiuno, biascicando la voce, riprendendone i toni vischiosi, lenti, impastati. Finalmente il medesimo trattamento che spetta ad altri grandi del Novecento, ad altri classici del Teatro.

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 01:00

C'è di mezzo il mare

Scritto da

Vecchie sedie impagliate, valigie di cartone, lampade fatte con asticelle di legno, e sul proscenio lunghe assi di legno le cui estremità sono collegate al soffitto da corde. Dal buio emergono cinque donne in camicia da notte che ripetono ossessivamente gesti meccanici. Si teme quasi che ciò precluda ad una performance dai significati reconditi ed arcani: nulla di tutto ciò, è solo il segno mimico di esistenze non più sopportabili, alienate – anche se non condotte in fabbrica ma tra campi e vicoli di miseria.

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 01:00

Le possibili interpretazioni di un testo

Scritto da

Il ritorno di Virginia e sua zia – a sedici anni dal debutto a Galleria Toledo, protagonista Gina Perna; a undici dalla “prima volta” di Tina Femiano – è soprattutto l’occasione per riammirare la scrittura teatrale di Manlio Santanelli.

Martedì, 29 Ottobre 2013 01:00

Non 'cosa' ma 'come'

Scritto da

Eccellenza manifatturiera dell'epoca borbonica, San Leucio lega il suo nome e una fama bicentenaria all’impresa delle seterie; per tale motivo, non possiamo fare a meno di notare che, nel luogo degli opifici del tessile, in uno spazio teatrale che pure si chiama Officina, va in scena uno spettacolo intitolato #Tessuto (dove l’elemento tessile viene significativamente preceduto da un hashtag – il grafema in uso su Twitter – su cui torneremo a breve).

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 01:00

Storia e Psicanalisi all'uscita da scuola

Scritto da

Nella rassegna teatrale dell’Arcas tutto è allo scoperto. Il palco non ha il sipario e vediamo la panchina verde e il lampione prima che inizi lo spettacolo. Anche le gambe dei due personaggi protagonisti sono scoperte: Sigmund e Karlo, che sembrano avere una gran voglia di lasciare allo scoperto qualcosa in più. Entrambi indossano un impermeabile e si sono ritrovati per caso all’uscita di un istituto femminile. Aspettano le ragazze perché tutti e due provano piacere nell’aprirsi l’impermeabile davanti alla faccia spaventata delle studentesse e…

Martedì, 29 Ottobre 2013 01:00

Osservatorio e basta, c’erano troppe nuvole

Scritto da

È come essere ad un osservatorio astronomico e il cielo è pieno di nuvole; nessuna stella, nessun pianeta, nessun satellite, nemmeno potersi immaginare le orbite. L’osservatorio sulla danza si è proposto come sguardo su un potenziale panorama dedicato all’arte del movimento, eppure il 25 ottobre 2013 a Galleria Toledo di danza se ne è vista davvero poca.

Lunedì, 28 Ottobre 2013 01:00

La "lectio levis" di Giorgio Albertazzi

Scritto da

Giovedì 24 ottobre 2013, Giorgio Albertazzi propone al pubblico napoletano una riflessione sulla leggerezza, proprio come fece Italo Calvino nella prima delle lezioni preparate per la conferenza all’Università di Harvard, dove era stato invitato per tenere le Charles Eliot Norton Poetry Lectures, proposte per la prima volta ad uno scrittore italiano. Pochi anni mancavano all’inizio del nuovo millennio (era infatti il 1985), per cui il sottotitolo delle lezioni pensato dallo scrittore era Six memos for the next millennium. Calvino non andò fisicamente in America perché morì prima e così le carte delle lezioni furono messe insieme dalla moglie e date alle stampe.

Domenica, 27 Ottobre 2013 08:44

L'illusione della realtà

Scritto da

Riuscireste a far entrare vostra moglie in una scatola di cinquanta centimetri di lunghezza per venti di larghezza? Immaginate se una cosa del genere fosse possibile. Magari ci sarebbe chi rinchiuderebbe il suo peggior nemico o una persona petulante che ‘scoccia’. Eduardo De Filippo è riuscito in questa operazione complicatissima, rimanendo ancorato ad una visione lucida della realtà. Il testo rappresentato al Teatro Bellini, inaugurandone la stagione, dal figlio Luca e dalla sua compagnia ha destato sorpresa e meraviglia tra gli spettatori.

Lunedì, 28 Ottobre 2013 01:00

Potenza del narratore

Scritto da

Debutta per Il Teatro cerca Casa un nuovo lavoro di Paolo Cresta e Paolo Lomanto: Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway. Riduttivo definire lo spettacolo una lettura teatralizzata con accompagnamento musicale. Ingiusto. Ciò cui abbiamo assistito, nella quieta e accogliente atmosfera di un salotto, trasformato in platea e palcoscenico senza soluzione di continuità, è a tutti gli effetti una narrazione teatrale, un racconto musicale o una partitura letteraria.

Sabato, 26 Ottobre 2013 02:00

In gabbia con Čechov

Scritto da

Giocando con le parole: dal volatile alla prigione che lo contiene. Il gabbiano di Čechov, dalla pagina alla scena rivive lo stato di prigionia annoiata e strisciante in cui erano confinati i suoi personaggi dichiarandone programmaticamente la contenzione mediante l’elisione dell’ultima sillaba: Gabbia(No). La noia, la costipazione, l’assenza di vita vera e veramente libera dai lacciuoli di una forza oscura che impedisce a ciascuno di compiere un destino differente e anelato: questo è Il gabbiano di Čechov, questo ripropone Gabbia(No) nella rivisitazione (“dis-adattamento”, com’egli esplicitamente l'etichetta) di Woody Neri.

Venerdì, 25 Ottobre 2013 02:00

Se il mondo è come la moglie di un portiere

Scritto da

La stagione teatrale della Sala Assoli si inaugura con la nuova creazione scenica di Renato Carpentieri, Fuori, tratta dal romanzo del contemporaneo Vincent Delecroix À la porte. È un viaggio labirintico di una mente filosofica che trova corrispondenza in una scenografia dove prevale il nero e il grigio, con pochi tocchi di colore nella striscia gialla che delimita una quinta a destra e dei riquadri rossi che seguono il pavimento sopra cui si aprono tre porte.

Martedì, 22 Ottobre 2013 02:00

L'arte dell'accabadora

Scritto da

Acabaddare, in dialetto sardo, significa “incrociare le mani al morto, completare, conchiudere”.
Si tratta di un antico rito diffuso in Sardegna fin dall’epoca punica, dove l’accabadora entrava di notte nelle case delle persone in cui c’era qualcuno che doveva essere aiutato a morire. La donna si occupava, quindi, di una "forzata eutanasia" e per questo era mal vista da tutti ed agiva di notte e di nascosto, entrando nelle case il cui uscio veniva lasciato volutamente aperto.
Un mestiere terribile si penserebbe.

Sostieni


Facebook