“L'unica cosa che mi interessa è come cominciare, come continuare e come finire una frase”

Danilo Kiš

Teatro

Teatro La ribalta di legno

«Le quinte di stoffa con le porte in rilievo, le finestre di vetro dipinto, i vasi coi fiori di carta. In alto una lampada faceva da giorno mentre la notte veniva con la parola “notte”. In terra, una botola, dalla ribalta portava sul retro, dov’erano pronti gli attori».

Domenica, 10 Novembre 2013 01:00

Le vie (d'uscita) del Signore sono finite

Scritto da

Metti un testo di Manlio Santanelli che da trent’anni unisce buona parte di critica e pubblico sia in Italia che all’estero, affida la scena a due interpreti come Ernesto Mahieux e Rino Di Martino, cresciuti a pane e teatro, e otterrai una commedia brillante, divertente, sebbene venata dalle note malinconiche del passato.

Domenica, 10 Novembre 2013 01:00

Cella 406

Scritto da

“Per la visita agli internati i parenti degli stessi sono pregati di raggiungere la cella 406 situata sul retro dell’edificio. Grazie per la collaborazione.”
Dal foyer penetriamo dietro il palco. La luce è poca. Dietro ogni apertura, dietro teli di cellophane trasparente, degli esseri umani, da soli o in gruppo, ma sempre soli. Urlano, si muovono in maniera incontrollata, ridono, tremano, sbattono la testa. Facciamo rapidamente la nostra visita, forse proprio come i parenti dei pazienti psichiatrici, quando rendono loro visita.

Lunedì, 11 Novembre 2013 01:00

L'amore sbagliato

Scritto da

Lei entra in scena con una vestaglia bianca e le ciabattine rosse. Si muove delicata su una musica dolce come quella di un carillon. Sembra la bambolina che danza nella scatola con lo specchietto sotto il coperchio, solo che lei non fa delle pirouettes, piega i panni e lo specchio che ha alle spalle è deforme. Sul palco con lei una sedia e un attaccapanni, il cosiddetto uomo morto.

Venerdì, 08 Novembre 2013 01:00

Tre atti per tre fughe

Scritto da

Un grido, uno squarcio. Tre storie, tre quadri, tre modi diversi di urlare un fremito di rivolta. Marina Confalone torna in scena, in formazione con Giovanni Martino e Mario Di Fonzo, per affrescare in ribalta una quadreria partenopea che ha il gusto amarognolo del disincanto e, perché no, anche del livore sotteso all’amore che si porta per una città come Napoli, matrigna e crudele.

Venerdì, 08 Novembre 2013 01:00

Viandanti

Scritto da

L’insistenza dello sguardo va continuamente alla scena e, precisamente, all’elemento fisso che fa da fondo del palco e che è una scenografia dietro la scenografia: alte palizzate disegnate con tratto nero e colori tra il grigio chiaro e il grigio scuro, a rappresentare (in maniera dichiaratamente fasulla) un qualsiasi casermone di un quartiere qualsiasi di chissà quale città. Le finestre sono chiuse, come sigillate perché non vi passi aria; non vi sono tracce di vita all’esterno (né fiori, né abiti stesi ad asciugare, non una testa che faccia capolino da una vetrata); non si nota neanche una macchia di colore: solo grigio chiaro, solo grigio scuro. Uno, due, tre, quattro facciate ben disposte in orizzontale lungo tutta l’ampiezza del palco; in alto sulla destra si percepisce la stilizzazione di una grande arcata, negli angoli vi sono dei tubi calcati in rilievo, mezzo tondi.

Giovedì, 07 Novembre 2013 01:00

"Quanto può essere lunga un'ombra?"

Scritto da

Esiste un passato che allunga la propria ombra sul presente con la cupezza sinistra degli scenari macabri; esiste un passato, nella storia di un Paese, le cui torbide vicende, i cui misteri insoluti, le cui occulte sfere, s’allungano ancora e ancora s‘allungheranno sulla storia patria disegnando un’ombra malevola e subdola, nella cui oscurità il sotterfugio, la collusione, il malaffare hanno potuto liberamente proliferare.

Da più di dieci anni Company Blu, associazione culturale e compagnia tersicorea di Sesto Fiorentino, diretta da Alessandro Certini e Charlotte Zerbey, organizza il Festival Dinamiche scomposte presso il Teatro della Limonaia. Il posto è molto interessante, la limonaia di una nobile villa di Sesto, e l’accoglienza artistica ed umana è davvero calorosa. L’edizione di quest’anno è stata aperta dall’assolo di Peter Jasko, uno dei componenti del Collettivo Les Slovaks. Il gruppo slovacco, infatti, è conosciuto per una potente energia ed una ricerca drammaturgica individuale molto marcata, tra il tragico ed il comico, sfruttando al massimo la ricerca di differenti qualità di movimento, in un clima molto giocoso e soprattutto collaborativo, in cui lo spirito del gruppo non viene mai messo da parte. Inoltre il danzatore ha lavorato con Sidi Larbi Cherkaoui e David Zambrano.

Mercoledì, 06 Novembre 2013 01:00

Il Teatro è ancora vivo!

Scritto da

Il 1˚ novembre, al Teatro Paisiello di Lecce, l’Associazione Italiana Critici di Teatro presieduta da Giulio Baffi e le riviste Hystrio, Inscenaonline, Teatri delle diversità hanno assegnato i premi della critica e delle riviste a registi, attori, drammaturghi, festival, studiosi, creatori di luce e a tutti coloro che contribuiscono a far crescere il teatro contemporaneo. La serata era inserita all’interno dell’Assemblea Nazionale dei Critici di Teatro per il progetto Le parole del teatro di Walls-Separate worlds della compagnia Astràgali di Lecce.
Il pubblico era prevalentemente composto da addetti ai lavori, ma l’ora e mezza della premiazione è trascorsa simpaticamente in compagnia di un Giulio Baffi nell’inedita veste di presentatore “non professionista” che confondeva l’ordine della scaletta, cercava le email sul cellulare per leggere i ringraziamenti dei premiati assenti e, con leggerezza e sinteticità, ha conduceva la serata.

Mercoledì, 06 Novembre 2013 01:00

In casa e nell'anima di Stephanie

Scritto da

Per prendere posto al Théâtre de Poche dobbiamo attraversare il palco. Questo ci permette di entrare fisicamente in casa di Stephanie. Passiamo accanto al tavolo con due sedie, accanto al divanetto per due, al tavolino col telefono. Siamo pochi in sala. Siamo invitati privilegiati in casa della maestra che fa ritorno dal lavoro dopo aver camminato nella neve. Il luogo è accogliente, sia per la sala con il piccolo palco, sia per l’allegria di Stephanie che parla a noi più di quanto faccia al marito Sheldon. Ci rendiamo conto col passar del tempo, infatti, che Sheldon non c’è. C’è Stephanie e ci siamo noi a guardarla e ascoltarla. Squarciata la parete del corpo, c’è un’altra casa. È quella dei pensieri di lei, la sede della sua anima. Questa casa è la meno accogliente per noi. Essa è continuamente scossa dalle sensazioni provocate dagli eventi, ruota nel turbinio dei ricordi come se fosse stata portata via da un ciclone. Nonostante questo, è una casa che si mostra ai nostri occhi senza veli ma su di un telo rosso. L’inchiostro compone e scompone i pensieri, ricrea quei fantasmi del passato che ritornano vivi e feriscono.

Giovedì, 07 Novembre 2013 01:00

Il tormento (mancato) di Pierre

Scritto da

Il tentativo di questo Pierre e Jean è di operare in riduzione e scarnificazione dell’opera – via ogni possibile orpello scenico, via ogni ingombro d’inchiostro – senza rinunciare ai temi e agli umori che vi appartengono. Compattezza, velocità, accelerazione ritmata, attenzione alla micromimica facciale e gestuale, alternanza dei toni, dichiarazione esplicita del fasullo con uno sguardo diretto alla platea, doubling perché quattro personaggi – per due attori – siano vedibili, ne sono le caratteristiche fondanti. Assistiamo così ad una vertiginosa interpretazione che, quasi ruotando su se stessa di continuo, genera un costante cambio di rapporti, dialoghi, incontri, discussioni, liti e riappacificazioni, amori e dissapori, unioni e partenze.

Domenica, 03 Novembre 2013 05:36

Dove sta il folle?

Scritto da

Noir comico in salsa napoletana, lo spettacolo di Peppe Celentano garantisce quasi due ore di risate attorno ai racconti di Arturo Scamardo, serial killer (ha commesso la bellezza di venticinque omicidi) che uccide per un impulso irrefrenabile simile al capriccio ostinato del bambino, definito 'nziria in napoletano, che fa di lui piuttosto uno 'nzirial killer.

Sabato, 02 Novembre 2013 01:00

Il tempo dei cavoli

Scritto da

“In questo paese morire non è carino, non si fa.” In realtà in quel paese non è consentito aprire bocca per timore che si venga infamati o derisi. L’onore, il rispetto, il buon viso e il cattivo gioco sono troppo importanti a discapito della verità. Lei, Luciana Maniaci, è madre apprensiva che per una trovata assurda e sorprendente riesce a comunicare con il figlio appena morto nel tentativo di salvare la reputazione della famiglia. Il ragazzo vorrebbe attraversare il varco e andare oltre, ma la madre glielo impedisce. "Tra un anno ti devi pure sposare".

Domenica, 03 Novembre 2013 01:00

Irrealtà e straniamento

Scritto da

La premessa è che, per Interno familiare di Anna Maria Ortese, valga il principio di irrealtà ovvero che tutto ciò che è scritto nel racconto non risponda alla volontà di fare ritratto, scorcio, tranche de vie ma a quella di rendere fiaba, favola, invenzione effimera, immagine passante ed amara, corrusca, eccessiva.

Venerdì, 01 Novembre 2013 01:00

Natività maradoniana

Scritto da

29 ottobre: vigilia di Natale. No, non abbiamo per le mani un calendario impazzito… È che stiamo celebrando la nostra religione, l’unica a cui riconosciamo legittima Rivelazione e che principiò il 30 di ottobre del 1960 in un barrio di Buenos Aires chiamato Villa Fiorito. Lì, quel giorno, nasceva l’incarnazione magica e divina di Colui che sarebbe diventato di lì a qualche anno, la cosa più vicina alla trascendenza che ci fosse dato di vedere coi nostri occhi: Diego Armando Maradona.

Giovedì, 31 Ottobre 2013 01:00

La città che i bambini vorrebbero

Scritto da

La voce che andrà in scena Il magico pifferaio de I Teatrini conduce all’Orto Botanico molti bambini con parenti al seguito. Prima di entrare ad ognuno è dato un foglietto. In basso c’è il disegno del pifferaio seguito dai topi, in alto una frase da completare: “Nella mia città ideale vorrei …”.  Ho seguito molti spettacoli de I Teatrini all’Orto Botanico e, per la prima volta, oltre a correre, saltellare e raccogliere le foglie cadute in attesa che inizi lo spettacolo, i bambini si sono seduti con gli adulti e hanno compilato insieme il foglio. Di spazio ce n’è abbastanza per scrivere più di un desiderio. Come spiegato all’ingresso, i bambini se li infilano in tasca e si parte.

Sostieni


Facebook