“Tutti noi riusciamo a vivere solo perché, a un certo punto, ci rifugiamo in una menzogna, una qualsiasi. Lui invece non si è mai rifugiato in un asilo che potesse proteggerlo: è assolutamente incapace di mentire, come è incapace di ubriacarsi. Franz è senza il minimo rifugio, senza un ricovero, perciò è esposto a tutte le cose dalle quali noi siamo al riparo. È un individuo nudo tra individui vestiti”.

Milena su Franz Kafka

Martedì, 24 Gennaio 2017 00:00

Appunti su "Calcedonio"

Pubblicato in Teatro
Sabato, 07 Gennaio 2017 00:00

Sul "Miseria e nobiltà" di Cirillo

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 30 Dicembre 2016 00:00

Pupi della vita, paladini della morte

Pubblicato in Teatro
Sabato, 10 Dicembre 2016 00:00

La luce calda del desiderio

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 25 Novembre 2016 00:00

Un "Macbeth" tra luci ed ombre

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 20 Giugno 2016 00:00

Sindaco e teatro. Dove eravamo rimasti?

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 19 Maggio 2016 00:00

In danza oltre la morte

Pubblicato in Teatro
Pagina 2 di 9

Sostieni


Facebook