“D'un tratto, per qualche motivo imponderabile, mi sentii profondamente addolorato per lui e bramai di poter dire qualcosa di reale, qualcosa con ali e cuore, ma gli uccelli che desideravo si posarono sul mio capo soltanto più tardi quando fui solo e non avevo più bisogno di parole”.

Vladimir Nabokov

Mercoledì, 05 Febbraio 2014 00:00

Il teatro letterario degli animali

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 13 Gennaio 2014 00:00

Dove abitano i ricordi?

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 06 Novembre 2013 01:00

In casa e nell'anima di Stephanie

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 17 Ottobre 2013 02:00

Il Mediterraneo, padre e madre

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 18 Luglio 2013 02:00

L'abbandono tenue

Pubblicato in Letteratura
Lunedì, 10 Giugno 2013 02:00

Sono andata lontano

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 27 Marzo 2013 01:00

L'insegnante e l'agente immobiliare

Pubblicato in Marzo 2013

Sostieni


Facebook