“immagino il teatro come un non finito, / non finibile. / nella sua natura credo sia l'imperfezione / l'imperfezione come aspirazione / l'imperfezione esatta, netta, giusta, precisa / l'imperfezione simile al difetto / il teatro come difetto. / assolutamente imperfetto”.

Roberto Latini

Giovedì, 02 Febbraio 2017 00:00

Amore, matrimonio, morte

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 28 Ottobre 2016 00:00

Appunti su "Bordello di mare con città"

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 06 Novembre 2015 00:00

Metti quattro sere, in anni diversi

Pubblicato in Teatro
Sabato, 28 Marzo 2015 00:00

Appunti sul Vanja di Sepe

Pubblicato in Teatro
Domenica, 30 Dicembre 2012 12:37

Prima della Prima

Pubblicato in Gennaio 2013

Sostieni


Facebook