“Sai che significa esser bruciati / e senza un filo, un'ombra di sorriso? / Sai che significa implorare la gioia, / perché ritorni come un tempo sul tuo viso? / Un mare di fiori gettato su un guitto / non può colmare il suo vuoto orrendo. / Un attore senza voce è un lazzaro / e rotea come una girella nel vento. / Ma egli si ostina a non voler morire / e con desiderio aspetta l'alba / sterminata, gelida, ventosa, / perché è bella la vita, e misteriosa, / e così labile”

Angelo Maria Ripellino

Domenica, 29 Gennaio 2017 00:00

Se ne va. Tutto come sempre

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 12 Gennaio 2017 00:00

Il fascino perverso dell'onestà

Pubblicato in Teatro
Martedì, 24 Maggio 2016 00:00

Else, un'attrice e il suo pubblico

Pubblicato in Teatro
Domenica, 21 Febbraio 2016 00:00

Medea, così lontana, così vicina

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 18 Dicembre 2015 00:00

Dannata perfezione

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 07 Dicembre 2015 00:00

Calcio, storie, metafore

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 14 Maggio 2015 00:00

Il tormento della scrittura

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 09 Marzo 2015 00:00

L'ambigua voluttà del peccato

Pubblicato in Teatro
Sabato, 01 Febbraio 2014 00:00

La bisbetica di Konchalovskij

Pubblicato in Teatro
Sabato, 06 Aprile 2013 21:30

Contro i mulini a vento

Pubblicato in Aprile 2013

Sostieni


Facebook