“Nonna Citta muore addrìtta. Si curva mentre esala l'ultimo respiro ma non cade. La sua è una morte in dialetto. Assurda e volgare. I quattro superstiti, sbandando, vengono verso di noi. Il sole è ormai calato e l'uscio dove imperterriti stanno è il proscenio del teatro che li tiene prigionieri. Spalancano la bocca ma il loro urlo è muto. Sembra, piuttosto, uno sbadiglio”

Emma Dante

Giovedì, 15 Dicembre 2016 00:00

Svenimenti o dell'importanza degli attori

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 01 Aprile 2016 00:00

Gente di Romagna

Pubblicato in Teatro
Martedì, 10 Dicembre 2013 01:00

Anticommedia sulla noia

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 09 Dicembre 2013 01:00

Lo spazio, il suono, la voce

Pubblicato in Musica

Sostieni


Facebook