“immagino il teatro come un non finito, / non finibile. / nella sua natura credo sia l'imperfezione / l'imperfezione come aspirazione / l'imperfezione esatta, netta, giusta, precisa / l'imperfezione simile al difetto / il teatro come difetto. / assolutamente imperfetto”.

Roberto Latini

Mercoledì, 01 Febbraio 2017 00:00

Un delirio pirandelliano

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 27 Novembre 2013 01:00

Piccoli Beckett, ma con speranza

Pubblicato in Teatro

Sostieni


Facebook