“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Domenica, 18 Marzo 2018 00:00

Cosa stiamo diventando?

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 27 Ottobre 2017 00:00

Grazia Deledda, tra pagina e scena

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 20 Maggio 2016 00:00

Una cartolina dal deserto

Pubblicato in Teatro
Venerdì, 15 Aprile 2016 00:00

Preamleto o del Potere (mafioso)

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 30 Marzo 2016 00:00

L'autenticità dei peli

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 23 Marzo 2016 00:00

Edipo marginale e "Scarrozzato"

Pubblicato in Teatro
Domenica, 25 Ottobre 2015 00:00

Ce ne sono volute otto di birre

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 22 Luglio 2015 00:00

Ha(m)mlet. Lettura di un testo di Santeramo

Pubblicato in Teatro
Pagina 1 di 2

Sostieni


Facebook