“D'un tratto, per qualche motivo imponderabile, mi sentii profondamente addolorato per lui e bramai di poter dire qualcosa di reale, qualcosa con ali e cuore, ma gli uccelli che desideravo si posarono sul mio capo soltanto più tardi quando fui solo e non avevo più bisogno di parole”.

Vladimir Nabokov

Lunedì, 22 Giugno 2015 00:00

Pioggia coreutica

Pubblicato in Teatro
Lunedì, 02 Marzo 2015 00:00

Elogio dell'entropia

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 10 Settembre 2014 00:00

La giornata d'uno scrutatore

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 30 Luglio 2014 22:09

Ti prego, leggi questo libro

Pubblicato in Letteratura
Mercoledì, 02 Aprile 2014 00:00

Oh cavolo!

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 20 Novembre 2013 01:00

Girando intorno al "Sacro GRA"

Pubblicato in Cinema
Martedì, 12 Novembre 2013 01:00

Ho fiducia nella letteratura

Pubblicato in Letteratura
Lunedì, 28 Ottobre 2013 01:00

La "lectio levis" di Giorgio Albertazzi

Pubblicato in Teatro
Sabato, 01 Giugno 2013 02:00

Sepolti tra i libri

Pubblicato in Letteratura
Pagina 2 di 3

Sostieni


Facebook