“Napoli dimenticata entro un oceano di curve diafane, di verdi e molli fianchi, sullo sfondo pennicoli audaci, come sipari sempre tremanti, dietro cui va e viene una moltitudine di anime sottratta al tempo che spense la Grecia, gli Dei, Roma: anime che sanno ancora di tutto questo, e in più di corti spagnole”

Anna Maria Ortese

Martedì, 11 Settembre 2018 00:00

Jean Genet: commediante, martire e poeta

Pubblicato in Letteratura
Sabato, 21 Maggio 2016 00:00

John e Joe: due attori, due uomini

Pubblicato in Teatro
Giovedì, 18 Giugno 2015 00:00

L'irredento bugiardo di Arias

Pubblicato in Teatro
Sabato, 16 Maggio 2015 00:00

Sulla critica e i suoi codici

Pubblicato in Interviste
Venerdì, 23 Gennaio 2015 00:00

La peste come metafora

Pubblicato in Letteratura
Lunedì, 27 Ottobre 2014 00:00

Una lunga ninna nanna

Pubblicato in Teatro
Pagina 1 di 2

Sostieni


Facebook