“La sofferenza, il dolore sono l’inevitabile dovere di una coscienza generosa e d’un cuore profondo. Gli uomini veramente grandi, credo, debbono provare su questa terra una grande tristezza”

Fëdor Michajlovič Dostoevskij

Enrico Brega

Una cosa passeggera

Fortuna che me ne sono accorta in tempo. O meglio, l’ho percepito casualmente andando a rivedermi le sue più recenti interviste che tanta materia del contendere avevano dato nel campo televisivo − e anche di certa stampa − sulla funzione culturale dell’intrattenimento.

When the Leaves Come Falling Down

È il 2010. Settembre. Sto guidando l’auto, e ascolto una delle canzoni di Van Morrison che da sempre prediligo. Con Cristina ci siamo appena salutati. Un addio, senza alcun rimpianto da parte di nessuno di noi due.
Ci siamo conosciuti in un incontro conviviale nello chalet dell’Oltrepò Pavese del mio amico Alex. Una serata resa allegra e vivace quanto basta da una cena squisita accompagnata da abbondanti libagioni. Ogni tanto i nostri sguardi s’incrociavano. Ma niente più.

Un flusso di vita

Non avevo ancora compiuto diciott’anni, quando una mattina ho deciso di trasformare la mia stanza da letto nella cella di meditazione. Domandarmi il perché era del tutto inutile. Una perdita di tempo. Ho cominciato presto, dalla prima adolescenza, ad avvertire una forte esigenza di immaginare il mio futuro percorso di vita. E per quali finalità. Così come se mi fosse stato possibile dare sostanza al mio eventuale obiettivo a dispetto di quello che avevo già intuito, ovvero il dover fare i conti con la casualità o gli schemi tradizionali.

Fantasie in sala conferenze

Quei lati nascosti 


Lunedì mattina di ogni settimana. Puntualmente, alle nove. Ci siamo tutti, più uno. È lo Staff Meeting: ognuno di noi cinque dirige un Department che tratta singoli Rami assicurativi. L’altro è il General Manager.
Siamo al quarto piano del grattacielo nel centro di Milano dove ha sede la rappresentanza italiana della Multinational Insurance Financial (MIF) con Headquarter negli USA, il più grande gruppo al mondo del settore.
Nell’entrare e subito sederci al nostro solito posto, nemmeno una parola.

Tutto per la trama

Emerge dal nulla

 

Nebbia. Seduta a un tavolino nel lato del bar che dà verso la strada sul Viale Argonne sorseggia un delizioso cocktail analcolico e di tanto in tanto lancia lo sguardo all’esterno. È la Milano dei giorni quando le periferie non hanno nulla da invidiare al centro. La città è immersa nel vapore acqueo che la trasforma, la fa apparire come fosse un quadro anonimo appena sfiorato da una lieve carezza del pennello, e la gente che si muove per le vie, le piazze, i lunghi corsi, appare un insieme di figure dalle forme indefinibili, tutte uguali. Sfumano le singole, molteplici personalità che di solito la fanno vivere per quella che è: il cuore pulsante del Paese.
Ecco che le sembra di riconoscere i tratti del suo lento ma sicuro procedere verso il bar, figura slanciata. È lui.

Cercando il fascino dell'ignoto

L’altra metà del cielo

 

Le nostre ragazze, finalmente.

Cercando il fascino dell'ignoto

C’è  più di un modo per parlarne
 

L’orientamento resta quello che abbiamo deciso sin dall’inizio della nostra ricerca. Il club si attiva mosso talvolta dal caso, in altre occasioni realizzando un piano prestabilito. Ma sempre stando attenti a non spingerci oltre il naturale campo di un’osservazione che non vuole essere una sorta di studio meramente astratto dell’essere umano.

Cercando il fascino dell'ignoto

Ossessioni in forma di romanzo 



È un tentativo forse spinto da una visione deformata e a tratti persino patetico, questo mio voler cercare di cogliere se non l’essenza assoluta ma almeno quanto appare in superficie dell’essere umano. Qualcosa che fa pensare al Fiction’s about what is to be fucking human being di David Foster Wallace.
− Dai, Simone, facci capire una volta per tutte dove vuoi arrivare − mi dice Lorenzo. − Quanti di noi, come te poco più che ventenni, vorrebbero essere nei tuoi panni: sei già manager di due radio locali che stanno riscuotendo successo. E il tuo approdo in televisione appare a tutti noi a portata di mano, sebbene tu cerchi − ed è palese − di non darlo a vedere. Non ti basta?

Quello sguardo dietro le nuvole – 4

Capitolo 4

 

In una Parigi ancora scossa dal feroce attacco islamico fondamentalista a Charlie Hebdo, Rolando Fraschini e sua figlia Giovanna, ormai rientrata nell’organico come direttrice dell’ufficio del personale, si stanno dirigendo in taxi al distretto La Défense dove in uno dei grattacieli che svettano da quelle parti ha sede la rappresentanza francese dell’azienda.

Sopravvivere alla solitudine

“Chi è senza speranza non solo non scrive romanzi ma, quel che più conta, non ne legge. Non ferma a lungo lo sguardo su nulla, perché gliene manca il coraggio. La via per la disperazione è rifiutare ogni tipo di esperienza, e il romanzo è sen’altro un modo di fare esperienza”.

                                                                                      (Flannery O'Connor)

 

 

Non poteva che essere Jonathan Franzen con la vivezza della sua raccolta di saggi Come stare soli a farci apprezzare l’intensità delle parole con le quali la scrittrice statunitense ci parla di letteratura.
Avevo poco più di dodici anni e già l’idea di leggere e poi scrivere mi affascinava. Dopo tanti libri letti, per lo più adatti alla mia giovane età, mi sono imbattuto in Martin Eden di Jack London. Una folgorazione: sarei diventato uno scrittore, come l’autore... e il protagonista del romanzo.
Ma la vita ha un suo percorso, tracciato dal caso.

Pagina 4 di 10

Sostieni


Facebook