“Sono la lepre molto avanti alla muta dei miei critici”

Virginia Woolf

Domenica, 04 Marzo 2018 00:00

Del perché gioire della neve

Scritto da 

Arriva all’improvviso
Tra la paura di chi la teme
E la gioia di chi l’attende

A schiacciare il superfluo
Per cui tanto e da tanto
Ci affanniamo


A liberarci dal rumore
Che idioti ci ostiniamo
Ad aumentare

A regalarci per poco
Pur senza meriti
La sospensione

Semplice pura soddisfazione
Che si nasconde nel tatto
E nell’ascolto

Nel bianco che si diffonde
Che ci ripulisce piano
La vista

Ad insegnarci il riflesso
Mutante della mente
Che tutto sottende

A mostrarci la natura
Pura e impermanente
Unica nostra essenza

Così i fiocchi fitti o radi
Compatti sostengono
O si sciolgono

L’incantesimo non consola
E quel che c’era si ritrova
Mescolato nella mota

Ora da bimbo che nulla
Sa e si chiede
Semplicemente godo

Del passaggio di stato
Nell’eterna legge
Del moto

Lascia un commento

Sostieni


Facebook