"Era ancora il tempo degli artisti, nel senso che questa parola poteva avere nel lento crepuscolo del Novecento, quando un poeta, un pittore, un regista erano esseri umani investiti da una vocazione, e la loro vita non era un pettegolezzo, una delle tante variabili mercantili della celebrità, un'attraente carriera mondana, ma una storia vissuta ai limiti dell'umano, spremuta fino all'ultima goccia"

Emanuele Trevi

Domenica, 24 Settembre 2017 00:00

La notte e la recensione

Scritto da 

Prologo. Il recensore è un essere notturno, solitario, che vaga addormentato per gallerie e teatri, annuendo meraviglia, annotando su carta la commozione della sua anima. Spesso è guidato, raramente è spinto dalla sua volontà. Perché sa, sa in quale zozzo cesso andrà a ingoiare la propria rassegnazione. E che non siano molte le belle occasioni, non aiuta. Ma riempiono bene il vuoto. Poi, davanti lo spazzoleranno, dietro gli sputeranno. Di cosa vive colui che vive di recensioni di vite altrui?


Parodo. La città puzza di alcool e vomito, dopo mezzanotte. Le strade di basalto, illuminate dai deboli lampioni giallastri, per il giallastro tufaceo, trattengono un umido fastidioso, fino all'alba. Ogni cosa ha il sapore del silenzio che desiderebbe essere accarezzato; ogni cosa ha il sapore di presenze dissolte velocemente in uno starnuto. Le solite auto, appannate, sono nascoste; le solite risate, ovattate, sono luride; le solite stelle, spente, sono lontane; le solite infinità, cercate, sono private. Anche il vento è il solito.
Che soffia, soffia sulla fierezza della dittrichia viscosa germogliata dall'asfalto. La speranza raucamente annuncia la promessa della sua impiccagione. E tutti gli uomini solitari, dispersi per le strade, ubriachi di se stessi, a quest'ora tendono l'un l'altro le proprie mani, impauriti di tanta esclusione. Questa è la morte per esclusione.

Esodo. Con dolore e con contentezza tutto è valido e nullo a un tempo. Rabbioso per la felicità altrui, pugnali la fantasia mettedola all'angolo. Dalla virgola tra soggetto e verbo, dalla pagina riempita di cazzate, dal chiacchiericcio al profumo di caffè nel bar del centro, all'esaltazione orgasmica dell'idiozia truccata di mascara, per una vita che traveste la sua inutilità con una recensione. Cara musa della critica: la finzione fa arte.

Altro in questa categoria: « ˜- Una storia di donne »

Lascia un commento

Sostieni


Facebook