“Io amo troppo il teatro per diventare un critico teatrale...”

Gilbert Keith Chesterton

Domenica, 30 Luglio 2017 00:00

Bagliori di versi

Scritto da 

Danzai

Danzai nelle viscere di un sentimento
            all’ombra de’ tuoi occhi. 

Poi l’amore s’irradiò in rivoli di tempo.

“Che sia la vita!”, urlava il nostro dio
                            (o soltanto noi).


Ma si sbagliò (o soltanto noi sbagliammo
            perché non c’era
                      null’altro da fare) e

fu il tempo
            (o continuò…)



***



Frammento

A tratti nel buio
la filigrana di stelle
configura
la mia rabbia pensosa:
amore o incertezza, incertezza e amore.



***



Se la tua voce

Se la tua voce desidera cullarsi
nel mio cuore,
troverò i sorrisi
con la mano di un giocoliere
e i miei minuti saranno il volto di acrobazie
che, da una mano all’altra,
volano fra una mano e l’altra.



***



Verande d’azzurro


I


Un laghetto di fumo nel cuore... Processioni di frasi lasciano calzature d’intelligenza
prima di entrare nella moschea delle bocche.


II

I profumi sorridono tra le maschere di foglie. E lettere serpentine
indossano pastrani di luce.


III

Un gregge di bagliori
alle pendici dei versi
nasconde l’Ulisse della mia ispirazione...
Canicola di gioia, tanfo d’allegria
negli sguardi ciclopici del solo occhio giornaliero. Spranghe di felicità
negli acuti del sole
e, fra verande d’azzurro, spaventapasseri di poesia...


IV

Tachicardia di vento nei vestiti: il vento, cuore del cielo...
Le nuvole sembrano covoni di luce, capanne di fieno
intorno al pagliaio del sole. Nel raspo degli alberi
festoni d’aria, e gli occhi sono brandelli di nostalgia tra festuche di tempo allegro.
Stelle filanti d’erba, pendii agitati fra la bonaccia della pianura...


V

Terra diroccata e baracche di collina. Villaggi di sole.
Dal lievito nullo di rocce azzime,
paesini salgono
pioli di luce.

Lascia un commento

Sostieni


Facebook