“E quando pensate di tornare? dissi io. Loro si strinsero nelle spalle. Chi lo sa, María, dissero. Non li avevo mai visti così belli. Li avrei baciati tutti e due, e non so perché non lo feci, sarei andata a letto con tutti e due, a scopare fino a perdere i sensi, e poi a guardarli dormire e poi di nuovo a scopare, ci pensai davvero, se cercassimo un albergo, se ci chiudessimo in una stanza buia, senza limiti di tempo, se io li spoglio e loro spogliano me, tutto si sistemerà, la pazzia di mio padre, l’automobile perduta, la tristezza e l’energia che provavo e che di momento in momento sembravano asfissiarmi. Ma non dissi niente”

Roberto Bolaño

Il Pickwick

Emil Cioran

"Ogni occidentale tormentato fa pensare ad un eroe dostoevskiano con un conto in banca".

Alfonso Berardinelli

"Esistono, certo, alcuni appassionati lettori o perfino cultori maniacali della carta stampata, ma si tratta di pittoresche eccezioni, magari studenti fuori corso traviati dalla lettura disinteressata, impiegati comunali o commessi di libreria di provincia che, a trent'anni, non hanno deciso che cosa fare e che cosa essere".  

Peter Brook

"Abbiamo bisogno di una bellezza che sia in grado di convincerci, un disperato bisogno di vivere l'esperienza della magia in modo così diretto che la nostra stessa concezione di ciò che è sostanziale possa essere trasformata"

Hannah Arendt

"La manifestazione del vento del pensiero non è la conoscenza; è l'attitudine a discernere il bene dal male, il bello dal brutto"

Charles Dickens

"Non avrebbe saputo dire se quelle creature si fossero dissolte in nebbia o se la nebbia stessa le avesse inghiottite, ma in un istante gli spettri scomparvero e le voci tacquero, e tornò la notte profonda"

Rachmaninov

   di Mario Musella

 

   avevo la tv via cavo da qualche tempo

   pagavo una quota fissa ogni due mesi e potevo vedere quello che mi pareva, programmi di ogni tipo e da ogni paese di questo mondo: ero finalmente giunto alle soglie della libertà

   l’importante nella vita non è tanto essere liberi ma ritenere di esserlo: c’inganniamo, ci stoniamo, continuiamo a combattere e alla fine ci crediamo pure: non ero libero ovviamente quel giorno ma mi ci ero convinto almeno per cinque sacrosanti minuti della giornata

   solo cinque minuti, oh dei sempiterni, vi chiedo… niente di più: ora, in questo momento, ridatemi quei cinque minuti e poi non vi tedierò oltre… macché: le divinità hanno problemi di udito

Jorge Luis Borges

"Vedo me stesso essenzialmente come un lettore. Mi è accaduto di avventurarmi a scrivere, ma ritengo che quello che ho letto sia molto più importante di quello che ho scritto"

Pagina 35 di 35

Sostieni


Facebook