“Sai che significa esser bruciati / e senza un filo, un'ombra di sorriso? / Sai che significa implorare la gioia, / perché ritorni come un tempo sul tuo viso? / Un mare di fiori gettato su un guitto / non può colmare il suo vuoto orrendo. / Un attore senza voce è un lazzaro / e rotea come una girella nel vento. / Ma egli si ostina a non voler morire / e con desiderio aspetta l'alba / sterminata, gelida, ventosa, / perché è bella la vita, e misteriosa, / e così labile”

Angelo Maria Ripellino

Giovedì, 30 Maggio 2013 02:00

UORCO R’ ’USOCIALNETTE

Scritto da 

Ci tiame sempra un tone ncopp’a ll’etere

cu vierze pe c’ammusta’ e mmesura’ a palla:

a chi ’u tene chiù tuosto! Vulimme cumpetere

cu ’i vitei mente a vita se scavalla.

C’incontriamo senza più incontrarci

cu nu clicche, nu “me piace” a faccia ’i cazzo;

pe’ fa abbere’ che all’emozionarci

simme sempe pronte… ma senza ce fa ’u mazzo.

Ipocrisia che nun ce move ’a coppe ’a seggie.

’Amice!? ’A mice!! È a sora r’ ’u micette…

’A sulagnamma s’abboffa sempe peggie,

mentre in chat ce parliamme… pe’ minette;

per “sessuar” sedurre, alla maniera

dei vigliacchi, tradendo col parlato, 

col l’assenza del corpo, alla tastiera

senza più l’iniziativa del peccato.

Partecipo! Vengo! Amma ave’ n’accerente!!

Je cumpreso ca songhe ’u peggio esempie.

Po’ tutte sti canchere-sfaccimme r’evente!

Simme tanta monconoide senza tempie:

’a cervella ce scorre pe dda ll’uocchie

sempe cchiù russagna e cecagnuola.

Partecipazione? Libertà che s’addenocchia

’a sensazione ’i naveca’ mute ’i parola…

senza tuccarse guardarse veramente

senza cchiù credere ’u futuro e ’u presente.

Socialnettevuorche! Uorche r’ ’u socialnette!

Ci mentiamo mascherati d’internette,

con l’illusione ’i esse aunite ’nzieme

pe’ na battaglia ncopp’ ’i blogghe r’ ’i scieme:

“Tutti a casa… a pulitica è currotta!!!

… Facciamo un deplianne p’ ’u turisme…

’U sindaco scarfa ’a pultrona ’a sotta…

penzanne sulo ’i cazze suoje, senza carisme!

Combattiamo per la pulizia delle spiagge!!”

Cunfrataria vutata ’u qualunquisme

che combatte senza ’u rischio r’ ’u curagge,

nell’anonimato piatto annanze ’i l’attivisme.

Consiglieri comunali allarmiste

ca nun sanno nnè leggere, né scrivere!

Ma calunniano fanno ’i giurnaliste

millantanno ’a pulitica del vivere

civile, ricattando alla sprovvista

con il fango delle colpe da iscrivere.

Comici che fanno pulitica arraggiste,

se spacciano ’i sinistra pe’ po’ cunvivere

e cundividere ’a collera-malaria

che alla fine è sempe reazionaria.

Indignazione!!! Come motto moschettiere,

per ottener consenso ed avvalere,

appagare la sete, giustiziere:

con l’insulto a strumento di potere.

De-Magistrale è la fama d’apparire:

ma la politica è risolvere supplire

provvedere alle mancanze compensare

i problemi degli abbienti, del sociale;

come cristo dividere, ascoltare

la politica è missione apostolare.

Pe’ chesto può esser solo di sinistra…

anarchica… ma è l’uomo che ammistra:

e l’ommo è ll’animale cchiù spuorche

cchiù puorche, strapuorche r’ ’i puorche.

L’uomo non è Dio … destino atroce…

manderebbe anche suo figlio sulla croce.

Ci hanno divisi con l’oblio del portatile

dell’occhio critico, aperto sul mondo

siamo pesci di un acquario disabile,

che s’affaccia ’a n’ato acquario immondo,

dove i pesci credon di esser liberi

e biasimando, sfottono in cattività

i loro simili, indietreggiando gamberi

allo “scrinsaiverre” dell’incomunicabilità;

al di là di un vetro, cinici e gangheri

ci sentiam gli dei del giudizio d’equità,

con presunzione prosperiamo tuberi,

patane fracete, d’ogni banalità.

Internette è lo strumento più fascista

che l’uomo abbia creato nella storia,

cchiù r’ ’a televisiona qualunquista

che rielabora ’u scuordo r’ ’a memoria:

il punto di osservazione r’ ’a realtà

per ricrearne un’altra camuffata,

realtà drogata in fine opacità,

più credibile ’a genìa disinformata.

Internette è il creatore dei falliti,

distruttori, forse tali come me,

in quest’epoca illusoria, di detriti

di speranza … canto i cocci dell’ahimé!

Del mio petto battuto di perché,

di mea culpa al mio cuore blu marè

cuore di pietra, con un suo cuore morto

che un giorno un angelo, ha risorto.

Decanto della libertà in cui ’a libertà

è sinonimo di invenzione, falsità,

di una realtà altrove degradata

’ddo’ ’a verità vene sbusciardata.

Tutti i crismi e le notizie dell’etere

possono essere riscritti e reinventati

poiché manca la parvenza di quel vivere

della vita che si nutre di conati…

della bellezza che in polline appassisce

e tutto è aleatorio...  in un tutto che svanisce

nella rete senza responsabilità.

L’unica rete ca cunosco ’nverità

è chella Sciaveca r’ ’a mala succità

che qualcuno sfrutta a ogni mumento

’i l’elezione cercanno ’a carità

’i nu scambio ’i vute pe’ scioglie ’u parlamento

e parlatorio, abbuteca’, pe’ po’ appara’:

rivoluzione con restaurazione,

che va nculo ’u puveriello a perettone.

Qualcuno l’ha capito, ma le tecniche,

di dominio di questo movimento,

sono le stesse pratiche mediatiche

riutilizzate su criteri di spavento:

il clima del terrore nichilista

nazista, fascista o stalinista.

In accordo cu chesta sanguinaria

finta RIVOLUZIONE PROLETARIA

fatta di fighetti e guitte milionare...

Accorte!! Ainé!! Pullecenè arrepare.

La rivoluzione parte dal basso:

in Russia in quell’ottobre-squasso,

ancora caldo, furon le donne

a rimboccarsi in maniche di gonne;

la si vive e muore per strada davvero

non seduti cu na canna a nu piccì... ...

anch’io in tal senso scrivo e “scritero”,

scriverò ogni giorno il mio assurdo “cuntrad-dì”.

Ma doppe sti frase e cunziderazione supraffine...

nun pozzo che sburrà assettato ’u cesso,

c’ ’u stimulo r’ ’u catetere… pe’ bucchino,

’ncopp’ ’u strunzo ’i sta cacata mia stessa.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di copertina: La solitudine nella moltitudine (part.), di Maria Giammarino
Il particolare dell'immagine e la produzione dell'artista sono visibili in http://www.lacedonia.com/images/artistilacedoniesi/giammarino/



Altro in questa categoria: È stato il maggiordomo »

Lascia un commento

Sostieni


Facebook