“Nonna Citta muore addrìtta. Si curva mentre esala l'ultimo respiro ma non cade. La sua è una morte in dialetto. Assurda e volgare. I quattro superstiti, sbandando, vengono verso di noi. Il sole è ormai calato e l'uscio dove imperterriti stanno è il proscenio del teatro che li tiene prigionieri. Spalancano la bocca ma il loro urlo è muto. Sembra, piuttosto, uno sbadiglio”

Emma Dante

Sabato, 05 Settembre 2015 00:00

La nascita di una religione

Pubblicato in Letteratura
Giovedì, 26 Febbraio 2015 00:00

Sei note per i Sei personaggi

Pubblicato in Teatro
Sabato, 14 Febbraio 2015 00:00

Orizzonti corporei: "Dei Crinali"

Pubblicato in Teatro
Mercoledì, 21 Gennaio 2015 00:00

Buone Pratiche: Teatro Pocket

Pubblicato in Interviste
Mercoledì, 31 Dicembre 2014 00:00

Un cinema sapiente

Pubblicato in Cinema
Mercoledì, 24 Dicembre 2014 00:00

Henri Cartier-Bresson – Un voyeur

Pubblicato in Arte
Sabato, 20 Dicembre 2014 00:00

Sul "Natale in casa Cupiello" di Latella

Pubblicato in Teatro
Pagina 3 di 7

Sostieni


Facebook