“Uno scrittore dovrebbe vivere in provincia: non solo perché qui è più facile lavorare, perché c'è più calma e più tempo, ma anche perché la provincia è un campo di osservazione di prim'ordine. I fenomeni, sociali, umani e di costume, che altrove sono dispersi, lontani, spesso alterati, indecifrabili, qui li hai sottomano, compatti, vicini, esatti, reali”.

Luciano Bianciardi

Martedì, 19 Febbraio 2019 00:00

La sorte di Nina Berberova

Pubblicato in Letteratura
Sabato, 07 Ottobre 2017 00:00

Nick Cave: autunno parigino

Pubblicato in Musica
Martedì, 20 Giugno 2017 00:00

Fuoco dei miei lombi

Pubblicato in Letteratura
Venerdì, 03 Febbraio 2017 00:00

Centootto anni fa, nasceva Simone Weil

Pubblicato in Letteratura
Martedì, 20 Dicembre 2016 00:00

Le rivoluzioni

Pubblicato in Letteratura
Martedì, 29 Novembre 2016 00:00

Voce del verbo viaggiare

Pubblicato in Letteratura
Venerdì, 14 Ottobre 2016 00:00

La Biennale muta, la critica deceduta

Pubblicato in Espressioni
Pagina 1 di 4

Sostieni


Facebook