"L'immagine semplice scaturisce dalla complicazione del racconto, proprio come la gioia è il frutto dell'infelicità della vita"

Emanuele Trevi

Mercoledì, 03 Luglio 2019 00:00

PSCK19 − Intervista ai Nuovi Scalzi di Sosta Palmizi

Scritto da 

Dal 2 al 5 luglio il Napoli Teatro Festival Italia ospita il Puglia Showcase Kids 2019 ovvero − per citarne il sottotitolo − “una vetrina di teatro e danza pugliese per i ragazzi". Tre spettacoli al giorno, tra il Teatro Nuovo e il Cortile delle Carrozze del Palazzo Reale di Napoli; eterogeneità dell'espressione artistica; un insieme di storie differenti e la possibilità, per gli spettatori campani, di conoscere parte dell'eccellenza del nuovo teatro proveniente dalla Puglia.
Il Pickwick, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, ha deciso di anticipare e di accompagnare la presenza carnale degli attori con interviste che favoriscano la conoscenza dei teatranti che saranno di volta in volta in scena in città.



Per cominciare: raccontateci la nascita della compagnia; raccontateci la vostra storia e i vostri spettacoli e – attraverso gli spettacoli – la vostra poetica, il vostro modo di stare in scena e il rapporto della vostra compagnia con la Puglia.
La nostra compagnia nasce dopo un periodo di formazione presso il Centro Teatro Ateneo, all’epoca diretto da Ferruccio Marotti, nel quale abbiamo avuto la possibilità di formarci con il maestro Claudio De Maglio. Dopo questa formazione ognuno ha preso la propria strada, per riconoscere anche in altre compagnie tipologie di espressività artistiche affini. Dopo qualche anno ci siamo rincontrati con il desiderio di voler realizzare una compagnia che portasse avanti proposte di spettacolo accomunate da un germe artistico, antico e profondo: la Commedia dell’Arte. Abbiamo così creato il nostro primo spettacolo di Commedia dell’Arte, fondamentale è stato il sostegno fiducioso di Claudio De Maglio. In seguito abbiamo realizzato A sciuqué uno spettacolo incentrato sul tema del gioco d’azzardo. Il nostro lavoro si basa su una dialettica composta da due filoni principali: il lavoro sul linguaggio delle maschere di Commedia dell’Arte e il teatro di nuova drammaturgia, cosi nascono le nostre produzioni La Ridiculosa Commedia; Shake'n Speare e in questo modo stiamo proseguendo il lavoro per le produzioni future. Un altro elemento che ha arricchito il lavoro riguarda la componente musicale... grazie alla presenza di artisti musicisti.


Il teatro pugliese, in questi anni, si è caratterizzato per una costante relazione col territorio: dalle residenze “abitate” a un’attività creativa che non si è limitata alla proposta spettacolare. Che relazione avete avuto e/o avete col contesto di appartenenza?

La scelta di vivere in Puglia, è la prima testimonianza del nostro interesse a sostenere la nostra regione, le sue peculiarità culturali e tradizionali, e storiche. Non apparteniamo alla realtà dei Teatri Abitati, ma nonostante non abbiamo uno spazio di residenza dove creare produzioni, in Puglia, cerchiamo in tutti modi di legare le nostre proposte artistiche a elementi del territorio pugliese, soprattutto nell’ambito di linguaggio teatrale. Dal punto di vista della nostra proposta di spettacolo per la danza lo spettacolo è nato grazie ad uno slancio di Giorgio Rossi che ha avuto fiducia nella nostra proposta, a Sosta Palmizi che ha voluto co-produrre il lavoro, e anche a Stefania D'Onofrio e l’evento Azioni in danza che ha sostenuto il nostro primo studio sul tema “universo e danza”. Co-autrice insieme ai Nuovi Scalzi e Giorgio Rossi, la danzatrice pugliese Anna Moscatelli.
Un altro artista pugliese che ha avuto un ruolo fondamentale nella produzione è Bruno Soriato che ha creato gli originali oggetti di scena.


Puglia Showcase Kids
è una rassegna di teatro dedicata innanzitutto agli spettatori più giovani. Ebbene: è cambiato, negli ultimi anni, il modo in cui parlare e mettersi in relazione con bambini e adolescenti? Ed è ancora accettabile la definizione “teatro ragazzi” o è più corretto dire di teatro tout public?
Esiste il teatro di genere, il teatro di settore... le definizioni servono a creare limiti ma a volte sono controproducenti. Credo piuttosto si debba parlare di spettacoli adatti e creati rivolgendosi a un pubblico specifico, che bisogna specificare, ma tra questi c’è un termine “felice” che può indicare la qualità di un prodotto che parli in modo trasversale a un pubblico misto. Il tout public indica uno spettacolo in cui sia grandi che piccini vivono un’esperienza valida, ma questo non vuol dire che qualsiasi spettacolo per l’infanzia sia consigliato al pubblico adulto... resta sempre valida la nota espressione latina: “De gustibus non disputandum est”.


A Napoli avete portato Costellazioni. Pronti, partenza… spazio!. Che spettacolo è?
Costellazioni. Pronti, partenza... spazio! è un viaggio fantastico nell’universo. Allo stesso tempo è una variegata mappatura, gioiosa e musicale, delle numerose espressività fisiche di cui l’uomo è portatore... L’idea dello spettacolo nasce dalla volontà di avvicinare il giovane pubblico della danza alla cultura scientifica, e di appassionare i giovani cultori delle discipline scientifiche alla danza. Far sentire come nell’universo apparteniamo tutti, con le nostre diversità, a un unico sistema in cui ogni specificità è espressione di ricchezza ed è potenziale di bellezza.


Da un lato Puglia Showcase Kids prevede la coabitazione tra compagnie differenti per percorso, lessico ed esperienze – così favorendo la riconoscibilità reciproca tra chi fa teatro – e, dall’altro, consente il confronto con un pubblico extra-regionale, nuovo, inedito. Quanto è importante, dunque, una vetrina del genere in termini di maturazione ulteriore e di possibilità circuitative?
La possibilità di confronto e condivisione è una delle risorse che tutti noi abbiamo per mantenere attiva la percezione di noi stessi all'interno di un mondo inclusivo e accogliente e non esclusivo e limitante. In questo periodo, dopo la grande onda della “condivisione su Facebook” ci vorrebbe una grande eco alla parola accoglienza, senza limitarsi a dare alla parola un solo significato, ma cercando di applicarla all’agire quotidiano. Siamo ben contenti di poter partecipare ad eventi del genere.






Puglia Showcase Kids 2019 è un progetto della Regione Puglia, ideato e realizzato dal Teatro Pubblico Pugliese, finanziato nell’ambito delle FSC 2014-2020 “Interventi per la tutela e valorizzazione dei beni culturali e per la promozione del patrimonio immateriale”, Progetto Sviluppo e Internazionalizzazione della Filiera Culturale e Creativa dello Spettacolo dal Vivo – Teatro Danza.

Lascia un commento

Sostieni


Facebook